sabato, Ottobre 16

Operazione Internazionale vs pedopornografia

0

Un americano, Joshua David Brown, 64 anni, è stato arrestato lo scorso fine settimana per facilitazione alla pedopornografia e al turismo sessuale in generale, azione svoltasi per diversi anni nel Paese sudamericano. Questo arresto fa parte di un’operazione congiunta peruviana e statunitense che mira a scovare un organizzazione che offre presumibilmente migliaia di dollari alle ragazze minorenni in Perù in scambio di atti sessuali online.

L’operazione ha comportato l’arresto di sei persone, tra cui Brown e cinque cittadini peruviani presumibilmente coinvolti nel traffico di tale mercato del sesso. I peruviani risponderanno delle accuse di traffico di esseri umani dei minori e sfruttamento della prostituzione, secondo ‘US Immigration and Customs Enforcement‘. Le autorità hanno contato in tale giro sessuale 36 presunte vittime, tra cui 11 minori, pur non trovando nessuna persona coinvolta nel ‘mercato’ presso la residenza di Brown. Secondo la ‘US Immigration and Customs Enforcement‘, uno dei minori aveva solo 4 anni e veniva offerta in linea per $ 7,000 secondo dati in possesso di tale organizzazione di polizia USA.

Questo fatto ha portato ad agire in un’Operazione internazionale contro la pedopornografia, in collaborazione con l’FBI, in 10 Paesi  con 60 arresti tra America Latina, Spagna e Stati Uniti, con 97 blitz tra Messico, Argentina, Cile, Colombia, Brasile, Costarica, oltre che in Spagna, Stati Uniti, Guatemala, Venezuela, Uruguay e Paraguay. Tre ragazze di 9, 14 e 15 anni sono state salvate dalle forze dell’ordine dall’essere utilizzate nei video pornografici, trasmessi su internet o diffusi tramite e-mail o sui social network. Ora tutti i siti e apparecchi sequestrati sono al vaglio delle forze di polizia.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->