mercoledì, Maggio 12

'Operation Inherent Resolve' risposta a razzi Iran? field_506ffb1d3dbe2

0

Le immagini direttamente dal Golfo Persico di ieri, 29 dicembre, degli aerei di difesa territoriale che ritornano al termine della loro prima missione a sostegno e supporto dell’Operation Inherent Resolve’ e partono di nuovo altri, dalla nota portaerei USS Harry S. Truman, per iniziare un nuovo attacco. Sono veicoli identificati come CVN 75 o legati soltanto all”Operation Inherent Resolve’. Il gruppo di aerei è a sostegno di tale missione per assolvere operazioni di sicurezza marittima nella zona teatro di guerra ‘USA 5 di responsabilità della US Military Forces.

Queste operazioni sono forse la risposta area degli Stati Uniti dopo l’accusa all’Iran di effettuare test di razzi vicino a navi da guerra americane e di creare problemi al traffico commerciale nello Stretto di Hormuz già dalla settimana scorsa, che ha sollevato nuove tensioni tra i due Paesi dopo l’accordo raggiunto sul nucleare. Tale accordo limita l’arricchimento dell’uranio da parte dell’Iran in cambio dell’annullamento delle sanzioni economiche. Una dichiarazione di Kyle Raines, comandante e portavoce del Comando Centrale delle unità navali afferma che la Guardia Rivoluzionaria iraniana ha sparato con ‘diversi razzi non guidati’ a 1.500 yards verso un cacciatorpediniere della USS Bulkeley e la FS Provenza, una fregata francese.

 

(Tali immagini sono state fornite da quelle realizzate in video dalla ‘Navy Mass Communication Specialist 3 °Class’ tramite J. Richardson e poi pubblicate sul canale ‘Youtube’ della ‘U.S. Navy’ )

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->