mercoledì, Aprile 21

#Onelessgun, la campagna sul web per distruggere le armi L'iniziativa è stata lanciata da Scott Dani Pappalardo, un fanatico delle armi, ora pentito, il quale ha postato un video in cui 'spezza' il suo fucile

0

Un’arma in meno per dire ‘mai più alle stragi’. Negli Usa la questione armi è tornata prepotentemente d’attualità dopo l’episodio avvenuto in una scuola in Florida. E sul web è partita la campagna #Onelessgun, una vera e propria battaglia contro il possesso delle armi. La peculiarità questa volta è che parte proprio da ex fanatici statunitensi di pistole e fucili.

L’iniziativa #Onelessgun è stata lanciata da Scott Dani Pappalardo, un fanatico delle armi, ora pentito, il quale ha postato un video in cui distrugge il suo fucile. Le sue immagini sono diventate virali sulla Rete e ora altri come lui postano immagini di armi sezionate e messe fuori uso, con l’hashtag #Onelessgun.

Pappalardo era un grande sostenitore del diritto alle armi e lo spiega nel suo video, dove racconta di aver comprato 30 anni fa il suo fucile. La strage in Florida,l ‘ennesima in America dovuta all’uso delle armi, lo ha però cambiato. L’uomo, che ha un tatuaggio del secondo emendamento sul braccio, ha distrutto il suo fucile e ha lanciato un appello: «Il diritto di possedere un’arma non vale di più della vita di qualcuno».

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->