venerdì, Settembre 24

OMTD: arriva dagli Usa il primo sottomarino 3D

0

03. E questo è l’Optionally Manned Technology Demonstrator (OMTD), il primo sottomarino stampato in 3D.

Fabbricato presso l’Oak Ridge National Laboratory, la carena del sommergibile, lungo 30 piedi, è stata ispirata dai veicoli SEAL utilizzati dai reparti speciali. La Marina americana ha collaborato con il laboratorio nazionale Oak Ridge e questo primo sottomarino potrebbe essere utilizzato a breve in molti ambiti.

Di solito i sottomarini tradizionali costano fino a 800.000 dollari a pezzo e si impiegano dai tre ai cinque mesi per la produzione,. Per questo si è lavorato solo un mese ed è costato la irrisoria cifra di 60.000 dollari. A dirlo il Dipartimento dell’Energia, secondo cui con questa mossa la Marina potrebbe ridurre di molto i costi di produzione.

L’OTMD è uno dei fiori all’occhiello della produzione 3D della Marina e rappresenta un enorme salto in avanti in termini di produzione ‘on demand’. Piuttosto che andare dietro la ricerca di materiali costosi per il bilancio federale, il personale militare potrebbe semplicemente fabbricare veicoli e forniture su richiesta per adattarsi alle operazioni in corso.

Secondo la Marina, prototipi pronti alla flotta come l’OTMD potrebbero scendere in acqua nel 2019.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->