martedì, Settembre 28

Olanda, politici mano nella mano contro l’omofobia

0

L’omofobia è un male che attanaglia la società civile. Nuovi casi di violenze sono stati segnalati stavolta in Olanda, dove nel weekend due ragazzi, Jasper Vernes-Sewratan e Ronnie Sewratan-Vernes, sono stati aggrediti da un gruppo di otto giovani (tra cui un ragazzino di 14 anni) ad Arnhem mentre stavano camminando mano nella mano. per loro tanti insulti e poi diversi colpi con delle cesoie.

Un pestaggio questo che ha scioccato l’Olanda, da sempre una delle nazioni al mondo più progredite in materia di diritti civili. Tra l’altro è stata la prima a legalizzare i matrimoni gay nel 2001. E il mondo della politica ha voluto lanciare un messaggio chiaro: Lodewijk Asscher, vice-primo ministro, ha postato una foto su Twitter mentre stringe le mani di un collega, così come Alexander Pechtold, leader del gruppo dei democratici, che ai negoziati per formare il governo ha pensato bene di farsi ritrarre mano nella mano con Wouter Koolmees. Un messaggio chiaro alle violenze e anche la promessa alla comunità Lgbt di approvare presto una legge contro l’omofobia: se prima la questione era tra quelle da mettere in calendario, ora sembra essere una delle priorità.

E grazie all’azione dei politici olandesi ora spopolano le iniziative nel Paese, con uomini che vanno mano nella mano. E spopolano sui social network gli hashtag #AllMenHandInHand e #AlleMannenHandInHand. Tutto per dire no all’omofobia.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->