giovedì, Settembre 23

Olanda e i treni ‘spinti’ dal vento L'accordo con il produttore di energia Eneco prevedeva di rendere la rete funzionante completamente a fonti rinnovabili solo per inizio 2018

0

Con un anno di anticipo rispetto a quanto previsto, da gennaio in Olanda i treni viaggiano grazie alla forza del vento. L’accordo con il produttore di energia Eneco prevedeva di rendere la rete funzionante completamente a fonti rinnovabili solo per inizio 2018. Una pala eolica attiva per un’ora può alimentare un treno per quasi 200 chilometri, ma Ns si propone di ridurre l’energia necessaria per passeggero di un ulteriore 35% entro il 2020.

Oltre a rifornirsi di energia verde dalla Eneco, la NS può contare anche su una serie di propri parchi eolici costruiti in Olanda, Belgio, Finlandia e Svezia che nel corso del 2017 è previsto riescano a produrre circa 1,4 TWh di elettricità, quanta basta a garantire il fabbisogno annuale di circa un milione di abitazioni.

Le NS trasportano circa 600mila passeggeri al giorno su circa 5.500 viaggi al giorno, il consumo è di 1.2 miliardi di KW-ore l’anno. L’equivalente del consumo di elettricità in tutte le case della città di Amsterdam: un grande passo in avanti.

Stando ad un dossier realizzato lo scorso anno dalla società di consulenza RE100, nel mondo esistono attualmente solo 9 grandi aziende che utilizzano per le loro necessità esclusivamente energia pulita.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->