lunedì, Giugno 21

Oggi è il Cinco de Mayo. Perché si festeggia?

0

Molte persone credono che il Cinco de Mayo ( ‘5 maggio’ in spagnolo) sia una celebrazione della Festa dell’Indipendenza del Messico. Ma in realtà cadono in errore poiché l’Independence Day del Messico è il 16 settembre. Invece, il Cinco de Mayo viene festeggiato dai messicani per ricordare la battaglia di Puebla, che è stata combattuta il 5 maggio 1862 dai messicani contro l’esercito francese che stava invadendo il Messico.

Ma cosa è successo nella battaglia di Puebla? Nel giorno del 5 di maggio il mal equipaggiato esercito messicano, Guidato dal generale Ignacio Zaragoza Seguinè riuscito a difendere la propria posizione contro le forze francesi vicino ai forti di Loreto e Guadalupe. Questa vittoria ha dato grande incoraggiamento all’esercito di Zaragoza ed è diventato un motivo di orgoglio per il popolo messicano: nonostante l’inferiorità numerica delle truppe messicane (i francesi contavano il doppio degli uomini rispetto ai messicani), sono riusciti comunque a distruggere l’esercito francese, considerato fino ad allora il migliore al mondo.

Anche se la vittoria fu di breve durata  (i francesi presero Città del Messico e il Paese in un anno) ha rappresentato una vittoria morale per il governo messicano. Di conseguenza il Cinco de Mayo ora simboleggia l’unità e l’orgoglio nella vittoria inaspettata di un sicuro perdente.

Tuttavia oggi, non è così importante festeggiare il Cinco de Mayo e viene celebrato principalmente solo nello stato di Puebla. Negli Stati Uniti, però, il Cinco de Mayo ha leggermente cambiano la propria denotazione: ora è diventata una celebrazione annuale significativa della cultura messicana.

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di NBC News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->