lunedì, Settembre 20

Odissea migranti in Marocco field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Tuttavia, il problema dei migranti, specie quelli provenienti dall’Africa sub-sahariana, va oltre gli scontri di frontiera. Diversi analisti (Sebastien Bachelet, nell’analisi proposta per allAfrica.com, Maggy Donaldson & Thalia Beaty, dalle pagine di ‘al-Jazeera’) notano come vi sia in Marocco una buona dose di razzismo e xenofobia che si ripercuote sulle già fragili vite dei migranti, marginalizzati e senza accesso a sanità ed istruzione. In particolare, Bachelet ricorda le denominazioni usate per indicare questi gruppi: termini che fanno riferimento al colore della pelle e allo status di schiavo. Nel 2012, il settimanale ‘Moroc Hebdo’ suscitò diffusa indignazione pubblicando un numero dal titolo ‘Le péril noir’. Ancora, quando l’anno scorso esplose l’epidemia di ebola in Africa occidentale, lo stigma associato ai migranti dell’Africa sub-sahariana divenne ancora maggiore, suscitando paure irrazionali di contagio.

Di fronte alle accuse di venir meno alle convenzioni sui diritti dei migranti, sui diritti civili e politici, sui rifugiati, il governo marocchino decise che era tempo di agire. Il Consiglio Nazionale per i Diritti Umani (CNDH) rilasciò un rapporto che non solo criticava la gestione delle politiche di migrazione, ma forniva anche una serie di raccomandazioni in merito. Mohammed VI, cinquantenne re del Marocco assurto al trono sposando una retorica riformista (paragonabile a quella del coetaneo Re Abdullah II di Giordania, salito al trono nel 1999 come Mohammed VI), avvallò il rapporto i cui punti chiavi erano sostanzialmente tre: riconoscimento del diritto d’asilo, regolarizzazione dei migranti irregolari e fine del ricorso alla violenza. La regolarizzazione, cominciata a gennaio dell’anno scorso, ha legalizzato la presenza di 18 mila irregolari, che hanno così ottenuto il permesso di lavorare e il diritto all’assistenza sanitaria e all’istruzione, ma si è chiusa lo scorso dicembre.

Middle East Eye’ ha di recente riferito di alcuni sgomberi avvenuti alla periferia di Tangeri dove alcuni migranti occupavano illegalmente degli appartamenti (a volte persino pagando l’affitto a sedicenti proprietari). Tra le persone sgomberate anche bambini e donne in stato interessante. Gli sfrattati si sono rifugiati sulle colline circostanti, coi pochi beni rimastigli, o nella cattedrale che però non è in grado di ospitarli a lungo termine né in numeri così elevati (parliamo di circa 200 persone). Molti di loro sono invece stati deportati a Marrakech, Agadir o Dakhla. Il più lontano possibile, per scoraggiarli dal tentare la traversata verso l’Europa. Anche l’accampamento di Gouroudou menzionato precedentemente è stato più volte sottoposto allo sgombero.

Il dramma dei sans-papiers non riguarda però solo i migranti africani. La crisi siriana ha trasformato 4 milioni di persone in rifugiati. La maggior parte di loro si è riversata in Turchia (1.805.255), Libano (1.172.753 su una popolazione di poco più di 4 milioni) e Giordania (629.128 su una popolazione di poco più di 6 milioni). Il Marocco ospita circa tremila tra rifugiati e richiedenti asilo.

Alla fine del mese scorso è esploso il caso del piccolo Haider Jalabi, un rifugiato siriano di appena dieci anni confinato insieme al padre Bashar all’aeroporto di Casablanca. Bashar Jalabi, disertore dell’esercito siriano ed ex combattente del Free Syrian Army (FSA), ha la residenza in Marocco ed è sposato con una donna marocchina da cui ha avuto un figlio (la coppia è in attesa del secondo). Il piccolo Haider, invece, non ha il permesso legale di risiedere in Marocco col padre. La madre di Haider, e prima moglie di Bashar, è morta qualche anno fa e il bambino era affidato alle cure di una zia in Turchia. Alla morte di quest’ultima, Bashar ha deciso di andare a prendere il figlio per portarlo con sé in Marocco. Il permesso di soggiorno gli è stato negato per due volte ma Bashar ha deciso di tentare lo stesso di portare il bambino nel paese. Dopo essere stati trattenuti in aeroporto per oltre 24 ore, i due sono stati infine deportati a Istanbul. Bashar si trova così separato dalla propria famiglia marocchina, di cui è il principale sostegno economico, impossibilitato a portare con sé in Marocco il figlio minore e perseguitato dallo spettro della deportazione in Siria.

Il paradosso che si è venuto a creare nel contesto di questo caso dice molto rispetto all’approccio delle autorità marocchine rispetto al diritto di asilo. Tuttavia c’è da dire che la crisi siriana sta mettendo a dura prova le capacità di assorbimento dei vicini della Siria e la tenuta di società già fragili. Quello che si teme, in Marocco come negli altri paesi interessati, è che si sviluppi una certa acrimonia tra i rifugiati in fuga dalla Siria e le popolazioni locali, soprattutto negli strati più svantaggiati della società locale. E l’Europa dov’è?

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->