mercoledì, Ottobre 20

Odinga e la questione Eurobond kenyoti Le proteste della popolazione a favore del leader della Nazione kenyota

0

A Kisumu centinaia di residenti  e sostenitori del partito ODM sono scesi in piazza per protestare contro la mossa dell’EACC di arrestare il primo ministro Raila OdingaBrandendo ramoscelli, i manifestanti hanno scandito slogan pro liberazione di Raila mentre marciavano da Kondele al Central Business District di Kisumu. Hanno occupato gli uffici governativi della Commissione Etica e Anticorruzione a Jubilee Plaza in Kenya occidentale.

Tuttavia i manifestanti non hanno presentato una petizione come previsto in precedenza dal CEO della Commissione Halakhe Waqo che aveva già annunciato che “avrebbe perseguito la liberazione di Odinga se i manifestanti avessero presentato una dichiarazione valida che provasse le loro affermazioni sulla questione degli Eurobond“. Dave Okwach, presidente del Kisumu County ODM oltre all’attivista ODM Omondi Gwonyo, in precedenza avevano dichiarato che i sostenitori del partito avrebbero dovuto scendere in piazza per protestare contro i piani di EACC e l’arresto di Raila e che “Raila non sarà intimidito a comparire dinanzi alla EACC e la polizia” e “lo farà solo se lo desidera”. Domenica, Okwach ha affermato che la decisione di protestare per la liberazione è stata presa dal partito “perché crediamo che EACC nella sua composizione attuale non può confermare legittimamente che l’Eurobond non sia questione controversa“. Gwonyo ha detto che Raila dovrebbe invece essere protetto come collaboratore di giustizia per la presunta perdita di 140 miliardi di dollari di Eurobond, invece di costringerlo a registrare una dichiarazione. “E’ del tutto assurdo che EACC stava cercando di intimidire un collaboratore invece di offrire lui la protezione che merita“, ha detto il parlamentare del partito Uriri.

L’ ispettore capo EACC Fredrick Mwangi giovedi scorso ha ordinato che Raila dovrebbe essere presso le sedi EACC lunedì alle 10 per il fallimento di cui sarebbe responsabile per il processo Eurobond. Raila ha sostenuto infatti per settimane che il governo ha perso 140 miliardi di Eurobond, spingendo il direttore della pubblica accusa Keriako Tobiko quindi ad aprire indaginiOdinga si è rifiutato di comparire alla sede EACC perché i suoi avvocati hanno respinto la minaccia della sua citazione a giudizio.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘NTV Kenya’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->