venerdì, Ottobre 22

Obama – Putin, risultati ancora da vedere

0

Mosca – I Presidenti russo e americano si sono incontrati ieri a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il loro primo incontro in quasi un anno. Putin ha elogiato i risultati dei 90 minuti di colloquio, il che dimostra il suo forte desiderio di ricostruire i rapporti con gli Stati Uniti, devastati dalla crisi ucraina, ma non è chiaro se l’incontro potrà aiutare a normalizzare le relazioni tra Mosca e Washington, considerato che le posizioni sulla Siria e l’Ucraina restano nettamente divergenti. Incontro per il quale Putin ha lavorato a lungo e molto intensamente durante gli ultimi mesi.

Vladimir Putin ha costretto Barack Obama al tavolo dell’incontro schierando truppe e armi russe in Siria e prospettando l’azione militare di Mosca contro lo Stato islamico.
Di fronte a una mossa militare russa improvvisa sul terreno siriano il Pentagono aveva già avviato colloqui con i russi sulle misure per prevenire eventuali incidenti sul terreno tra gli Stati Uniti e le forze russe in Siria.
Putin spera, evidentemente, di convincere gli Stati Uniti a riconoscere gli sforzi russi in Siria come parte della lotta globale contro l’ISIS -riconoscimento che ritiene possa aiutare a ricostruire i legami spezzati con gli Stati Uniti ei loro alleati occidentali.
Prima del loro incontro, i due leader hanno parlato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, offrendo due visioni contrastanti sui problemi che affliggono il mondo.
Obama ha incentrato il suo discorso sulla necessità di proteggere i valori democratici, dicendo che l’erosione dei principi democratici e dei diritti umani minacciano l’ordine mondiale. Ha denunciato l’azione della Russia in Ucraina e ha detto che le sanzioni occidentali introdotte in risposta all’azione di Mosca hanno accelerato la fuga di capitali della Russia e contribuito alla crisi economica in cui versa il Paese.
Per quanto riguarda la Siria, Obama ha ribadito che la repressione brutale del Presidente Bashar al-Assad è stata la radice del conflitto, aggiungendo che il conflitto non si concluderà fin tanto che il leader siriano rimane al suo posto.
«Dobbiamo riconoscere che non ci può essere, dopo tanto spargimento di sangue, tanta carneficina, un ritorno allo status quo di prima della guerra», ha detto.
Mentre Obama parlava, Putin era in arrivo dall’aeroporto. Il leader russo, a quanto pare, non ha voluto sentire la ‘lezione di democrazia’ del Presidente americano e ha preferito rimanere fuori.
Putin ha parlato poco dopo. Senza nominare gli Stati Uniti, ha accusato Washington di cercare di imporre la propria volontà sugli altri Paesi erimuginandouna possibile riforma delle Nazioni Unite, allo stato attuale controllata dagli USA. «Dopo la fine della Guerra Fredda, un unico centro di dominazione è emersa in tutto il mondo. Coloro che si sono trovati in cima a quella piramide sono stati tentati di pensare che dal momento che sono così forti, che sanno cosa fare meglio di altri. Consideriamo i tentativi di indebolire la legittimità dell’Onu estremamente pericolosa», ha detto Putin.
Ha ripetuto la sua forte critica degli Stati Uniti per il loro sostegno delle primavere arabe in tutto il Medio Oriente e Nord Africa, dicendo che il crollo degli Stati e la seguente caos ha determinato la nascita dello Stato Islamico. «Invece di riforme, istituzioni statali e l’intero modo di vivere sono state distrutte senza tante cerimonie attraverso ingerenza estera aggressiva», ha detto. «Vorrei chiedere a coloro che ha creato questa situazione: Avete almeno capito che cosa avete fatto?».
Putin ha detto che l’Occidente ha fatto un grave errore a non impegnarsi seriamente nella lotta contro lo Stato islamico, e si è reso disponibile per creare una nuova grande coalizione che includa tutti coloro che sono pronti a combattere il terrorismo.
Ha paragonato tale coalizione ad una alleanza che ha combattuto i nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.
Il tono di Putin si è ammorbidito durante l’incontro con Obama.
In una chiacchierata con i giornalisti, ha elogiato la loro conversazione come «molto utile e molto franca», e ha espresso la speranza di raggiungere il compromesso sulle questioni che ancora dividono USA e Russia. «Per quanto possa sembrare strano, abbiamo trovato molti punti in comune, c’è del disaccordo, ma abbiamo convenuto di lavorare insieme. Spero che questo lavoro possa essere costruttivo», ha detto.
Una fonte americana, ha detto che i leader hanno discusso le prospettive di una soluzione politica in Siria, ma il disaccordo è sul futuro di al-Assad.
Le differenze rimangono taglienti, Putin vuole mantenere il dialogo con gli Stati Uniti sui punti divergenti per ricostruire le relazioni. Obama resta in guardia. Qualsiasi accordo con Putin porterà critiche a Obama da parte di quelle parti politiche che lo accusano diresuscitareil leader russo.
Se un terreno comune dovesse essere stato trovato, è probabile che l’Amministrazione Obama lo mantenga riservato per non attirare le critiche.
Putin ha finalmente fatto luce sul dispiegamento militare russo in Siria. Alla domanda circa la possibilità di attacchi aerei contro l’ISIS, Putin ha detto «ci stiamo pensando, non escludiamo nulla», e ha confermato che se la Russia si unisce alla lotta, lo farà sulla base del diritto internazionale, a differenza degli Stati Uniti, che hanno colpito il territorio siriano senza una risoluzione dell’Onu. Allo stesso tempo, ha fermamente escluso qualsiasi coinvolgimento delle truppe russe in operazioni terrestri contro lo Stato Islamico. Ha anche detto che il processo politico in Siria deve andare in parallelo con la lotta contro il terrorismo, una stoccata a Stati Uniti e Francia che invece hanno chiesto l’avvio di un processo di transizione politica in Siria. Non ha accennato minimamente alla possibilità di rinunciare a sostenere il Presidente siriano.
Per quanto riguarda l’Ucraina, Putin ha cercato di minimizzare le differenze con gli Stati Uniti e ha detto che Washington sta giocando un ruolo importante nella soluzione ucraina.
La strategia di Putin è chiara: coinvolgere gli Stati Uniti sulla Siria e indebolire la loro attenzione sull’Ucraina, e spera che la cooperazione sulla Siria possa aprire la strada a una riduzione delle sanzioni economiche occidentali.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->