martedì, Luglio 27

Obama in Vietnam: revocato l'embargo sulle armi field_506ffb1d3dbe2

0

Revocato, dopo 50 anni, l’embargo Usa alla vendita di armi al Vietnam. Lo ha annunciato il presidente americano Barack Obama in una conferenza stampa ad Hanoi, dove si trova in visita ufficiale.

Il numero uno della Casa Bianca, ha così dichiarato: «Gli Stati Uniti revocano completamente il divieto di vendita di equipaggiamenti militari al Vietnam che è stato in vigore per 50 anni». Alcune restrizioni erano state abolite già nel 2014, inoltre gli Stati Uniti non hanno venduto armi letali in Vietnam per decenni. L’embargo era rimasto al suo posto soprattutto perché gli Stati Uniti stavano lavorando per ottenere in Vietnam ulteriori progressi sui diritti umani.

L’obiettivo del capo della Casa Bianca è di rafforzare i rapporti commerciali e strategici bilaterali, in particolare per controbilanciare la sempre crescente influenza cinese in Asia. Infatti, a otto mesi dalla fine del suo secondo e ultimo mandato, Obama intende ribadire i due punti fondamentali della sua politica in Asia: l’accordo transpacifico di libero scambio e il rafforzamento dei legami bilaterali con i Paesi concorrenti alla Cina.

Obama ha iniziato la sua visita in Vietnam ieri ed è la prima tappa della missione del Presidente in Asia, che lo porterà in Giappone al G7 e, nella data di venerdì 27 maggio, anche ad Hiroshima. Sarà così il primo Presidente americano a visitare Hiroshima dal 1945, quando 140.000 persone sono morte e la città fu devastata dopo l’esplosione della bomba atomica sganciata dagli Stati Uniti.

Un viaggio nell’orrore del passato in cui Obama non si scuserà per l’atomica ma ribadirà gli sforzi per un mondo più sicuro dalla minaccia nucleare.

 

 

https://youtu.be/dim0QAoHUIk

 

(video tratti dai canali YouTube di CBSN e Associated Press)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->