giovedì, Luglio 29

Obama e ''l'America con un Presidente forte" Quale potere nelle mani del Presidente?

0
La Strategia energetica del presidente Obama  sta facendo dell’America indipendente e sostenendo l’occupazione lavorativa. Dal momento che il presidente si è insediato, le emissioni legate all’energia nazionali sono scesi al livello più basso in 20 anni, e la dipendenza dal petrolio straniero è a un livello basso di 40 anni e sta declinando. L’America sta producendo più petrolio, gas e le energie rinnovabili, e gli Stati Uniti sta diventando sempre più efficiente dell’energia in generale. Queste tendenze stanno aumentando la nostra sicurezza energetica, tagliando il nostro inquinamento da anidride carbonica e migliorando la nostra crescita economica.

Tuttavia Barack Obama non sembra aver pienamente compreso la lezione Truman sui rischi politici dell’azione esecutiva unilaterale negli affari esteri. La sua decisione alla fine del 2009 per espandere la guerra in Afghanistan, anche se con ritiro preoccupazioni per una presidenza imperiale ha riacceso in parte il rischio della sua rielezione. Eppure il suo costante impegno a porre fine alla guerra in Iraq offre la speranza che egli compirà la sua promessa di iniziare a rimuovere le truppe dall’Afghanistan e che finirà questa guerra.

Forse la lezione da prendere dai presidenti dato che Kennedy è uno Arthur Schlesinger suggerì quasi 40 anni fa, scrivendo di Nixon: “I mezzi efficaci per controllare la presidenza giacevano meno in diritto che in politica. Per il presidente americano governato da influenza; e la revoca del consenso, dal Congresso, dalla stampa, dall’opinione pubblica, potrebbe portare qualsiasi presidente in giù “. Schlesinger anche citato Theodore Roosevelt, che, come il primo praticante moderna del potere presidenziale espanso, era consapevole dei pericoli che poneva per tradizioni democratiche del paese: “Credo che [la presidenza]dovrebbe essere un potente ufficio,” Theodor Rooselvelt ha detto, “e credo che il presidente dovrebbe essere un uomo molto forte che usa senza esitazione ogni potere che le rese di posizione; ma a causa di questo fatto io credo che egli dovrebbe essere strettamente sorvegliato dal popolo [e]possedute a un rigoroso di responsabilità da loro“.

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘Casa Bianca’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->