mercoledì, Aprile 21

O Ooooo, Renzi Psicopatologia della vita quotidiana dei supporters di Renzi

0

renzi-dc-2

Gli spalti da cui si leva l‘ O Ooooo, O Ooooo. O Ooooo, O Ooooo… dei supporters del taumaturgo di Firenze sono sempre più affollati. Ormai solo posti in piedi (e stretti).

Anche i prudentemente indecisi sino a pochi giorni fa, sono oradefinitivamenteconquistati dal trionfo al Senato. Ché tale è stato: dopo l’omicidio Letta ed il successo elettorale delListone’ Nazionale del 1924 (pardon, 2014), l’aver fatto di quell’Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli rappresenta il terzo, e decisivo, momento fondativo. Si segnalano, ovviamente, i giornalisti specializzati in servo encomio e codardo oltraggio, che al momento si scatenano nel primo, pronti a riconsiderare l’intera vicenda nel caso finisse male.

André Gide conclude I sotterranei del Vaticano con un accadimento, non rivelato, che fa riconsiderare tutto in maniera diversa. Nel nostro caso invece lo sappiamo: l’aver perso, non i motivi per cui eventualmente perdesse la sua scommessa. Analizzare fin da ora fatti, aderenza delle parole alla realtà, possibilità e conseguenze effettive, no. Non sta bene.

O Ooooo, O Ooooo. O Ooooo, O Ooooo…

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->