domenica, Maggio 9

Nuova Zelanda, il referendum per cambiare bandiera

0

E’ iniziato ieri -3 Marzo- il referendum in Nuova Zelanda con il quale ai cittadini è stata data la disponibilità di decidere se conservare o cambiare la bandiera del loro Paese. Il nuovo vessillo è stato selezionato tra le cinque finaliste di quaranta bozzetti fra più di diecimila progetti pervenuti al Governo. Il referendum si tiene dal 3 al 24 marzo, unicamente per posta.

Si punta ad un modello che esclude l’emblema del Regno Unito, considerato simbolo della colonizzazione britannica. La bandiera della Nuova Zelanda resiste da 100 anni, in essa compare un vessillo britannico comune a moltissime altre bandiere. Il nuovo vessillo proposto invece mostra la felce d’argento tipica degli All Blacks e conserva le quattro stelle rosse della Croce del Sud.

Se sarà approvato, entrerà in vigore in tempo per le Olimpiadi di quest’estate in Brasile. Ma i sondaggi prevedono la riconferma dell’attuale bandiera con una larga maggioranza.
Il 63% dei neozelandesi ha affermato di preferire la bandiera classica. Soltanto il 26% vede di buon occhio la nuova bandiera.

 

(video tratto dal canale YouTube di Al Jazeera)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->