venerdì, Maggio 14

Nuova fase storica fra Cuba e Unione Europea Il governo cubano ha firmato venerdì 11 marzo un accordo con l'UE

0

Inizia una nuova fase storica nelle relazioni fra Cuba e l’Unione Europea. Il governo di Raul Castro ha firmato venerdì 11 marzo un accordo con l’Unione Europea per normalizzare le relazioni, 13 anni dopo la sospensione dei rapporti avvenuta sotto la pressione di Washington.

L’intesa è stata firmata all’ Avana durante la visita dell’ Alto rappresentante per la politica estera, Federica Mogherini. Questo documento conclude due anni di negoziati per formalizzare, appunto, una nuova tappa nelle relazioni bilaterali. Il documento apre la strada a un dialogo politico, in particolare sulla delicata questione dei diritti umani, oltre a fissare dei criteri per gli scambi commerciali, che sono già in corso. Infatti, l’Unione europea è attualmente il secondo partner commerciale di Cuba e rappresenta il 20% degli scambi dell’isola.

L’intesa deve ora essere ratificata dai paesi membri e dal Parlamento europeo.

L’accordo giunge dopo che nel 2014 gli Stati Uniti avevano dato il via a un nuovo periodo di distensione tra l’ Avana e Washington. Ciononostante, perdura un embargo americano contro l’isola, criticato da Bruxelles, proprio a ridosso dell’attesa visita storica del presidente americano Barack Obama a Cuba, che avverrà il 21 marzo prossimo.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->