mercoledì, Settembre 22

'Nuova Antologia' e gli scenari del XXI secolo

0
1 2 3 4


Professor Ceccuti, l’analisi critica dei fenomeni in divenire porta a porsi molti interrogativi: dove stiamo andando? Le moderne tecnologie sono in  grado di costruire conoscenza? Esiste un’etica globale?  Ebbene alla luce delle riflessioni contenute in questo numero speciale di ‘Nuova Antologia’, dovendo dare un giudizio conclusivo, quale può essere?

Emerge che tra gli analisti domina il pessimismo, di crescita si può morire, c ‘è il grosso rischio di restare schiacciati sul presente, alcuni di fronte alla rivoluzione tecnologica si chiedono: avere tante informazioni, tanti dati, tante nozioni è sufficiente per avere consapevolezza del proprio destino? Fra le tante incertezze, è certo che il futuro si gioca a scuola. Per questo, ‘Nuova Antologia’ cerca di tenere alta la bandierina dello spirito critico, della capacità di discernimento, di ferma opposizione verso ogni forma di integralismo e fondamentalismo (oggi il vero nemico), invitando i giovani, non per giovanilismo ma per consapevolezza del loro ruolo nella costruzione del futuro, di  non cedere alle mode, di affrontare la realtà con adeguata preparazione e fantasia, secondo i valori etici che stanno dentro la nostra Costituzione, e lo spirito di tolleranza e del dialogo che  da sempre anima la nostra rivista, strumento di cultura politica e  di stimolo all’approfondimento ed alla conoscenza. La risposta dei giovani al nostro progetto e alcuni fenomeni in atto nella nostra società come, la crescente domanda di beni culturali, sono elementi incoraggianti e di speranza. Sono molte le incognite ma anche le opportunità che incontreranno.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->