martedì, Gennaio 18

Nucleare iraniano: si ricomincia, ma da dove? Il 29 novembre, a Ginevra, riprenderanno i negoziati sul nucleare iraniano nel tentativo di rilanciare il Joint Comprehensive Plan of Action. Ma come arriverà l'Iran al tavolo dei lavori?

0

Il 29 novembre, a Ginevra, riprenderanno i negoziati sul nucleare iraniano nel tentativo di rilanciare il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

Dopo mesi di sospensione dei colloqui come arriverà l’Iran al tavolo dei lavori?

A fare un po’ di chiarezza e il punto della situazione due interventi di due think tank: l’americano filo-israeliano Washington Institute, e l’americano, ascoltatissimo dalla comunità atlantica, Atlantic Council.

Javad Heiran-Nia, Direttore del Persian Gulf Studies Group presso il Center for Scientific Research presso il Middle East Center in Iran, per Atlantic Council, prova spiegare come gli esperti iraniani a Teheran vedono l’approccio dell’Amministrazione di Joe Biden nei confronti dell’Iran e del Joint Comprehensive Plan of Action nel contesto della politica estera complessiva del suo governo e del suo desiderio di districarsi dai conflitti militari nel Golfo Persico.

«L’attuale approccio degli Stati Uniti ricorda la ‘Sindrome del Vietnam’ che ha colpito le amministrazioni americane dopo il ritiro degli Stati Uniti dal Vietnam nel 1975 ed è probabilmente una reazione alla militarizzazione della politica estera statunitense dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001», afferma Heiran-Nia. «Sembra che gli Stati Uniti siano ora pronti a riprendere un approccio più umile dopo gli scarsi risultati dei loro interventi post-11 settembre in Afghanistan e Iraq. Anche l’ascesa della Cina e altre minacce come la Russia hanno influenzato questo cambiamento».

Heiran-Nia richiama l’intervento di Mahmood Sariolghalam, un noto professore iraniano di relazioni internazionali presso la Shahid Beheshti University, il quale «ritiene che sia emerso un nuovo consenso degli Stati Uniti su Cina e Russia, passando da una politica di ‘competizione’ a una di ‘confronto misurato. Pertanto, la politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran dovrebbe essere vista nel contesto del ‘Pivot to Asia’ dell’Amministrazione», afferma Biden Heiran-Nia.

Tuttavia, «il Medio Oriente rimane importante per la sua posizione geostrategica al crocevia tra Europa e Asia. Gli alleati arabi degli Stati Uniti e ora anche Israele, a causa degli accordi di Abraham del 2020, dipendono dagli Stati Uniti per la sicurezza. Stati falliti come la Siria e lo Yemen sono potenziali focolai di terroristi che potrebbero attaccare gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali. Sebbene gli Stati Uniti non dipendano più dal petrolio del Golfo Persico, qualsiasi interruzione a lungo termine potrebbe erodere l’economia globale. Ci sono anche preoccupazioni che i progressi nucleari dell’Iran possano innescare una corsa regionale agli armamenti nucleari».

I critici dell’Amministrazione Biden ritengono che gli Stati Uniti abbiano bisogno di una strategia post-Afghanistan per portare ordine in Medio Oriente e che un vuoto sia pericoloso. «Pertanto, Washington deve incoraggiare i suoi alleati e partner ad affrontare le lamentele regionali per legittimare un nuovo ordine. I politici statunitensi dovrebbero essere cauti e dare priorità alla stabilità rispetto agli accordi di fine conflitto.

Tuttavia, il dubbio e l’incertezza sull’impegno degli Stati Uniti in Medio Oriente è forse la migliore strategia per raggiungere la stabilità. Per lo meno, questo scetticismo ha costretto i due maggiori concorrenti della regione a parlare. Il recente disgelo delle relazioni Iran-Arabia Saudita è stato accelerato dalla percezione emergente di un declino dell’impegno degli Stati Uniti nella regione.

Per evitare le conseguenze dannose di una minore impronta statunitense nella regione, come l’ascesa dello Stato islamico dell’Iraq e di al-Sham che seguì il ritiro degli Stati Uniti dall’Iraq nel 2011,Washington deve incoraggiare la diplomazia regionale, in particolare tra Iran e Arabia Saudita.

I colloqui globali sulla sicurezza nel Golfo Persico potrebbero anche aiutare a spostare l’onere della sicurezza lontano da Washington. Gli Stati Uniti devono continuare a svolgere un ruolo di supporto per raggiungere il successo attraverso tali sforzi».

Nel maggio 2020, Jake Sullivan e Daniel Benaim hanno deciso di concentrarsi sul dialogo interregionale prima che Biden fosse eletto. «Ora consigliere per la sicurezza nazionale, Sullivan ha dato la priorità a una politica di contenimento della Cina. Il segretario di Stato Antony Blinken e il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran Rob Malley enfatizzano il multilateralismo e considerano il rapido rientro nel JCPOA come un mezzo per rafforzare lo slogan di Biden che gli Stati Uniti sono tornati‘. Un accordo che sia difendibile per i critici repubblicani allevierebbe le preoccupazioni degli Stati Uniti sul programma nucleare iraniano per il prossimo decennio e consentirebbe agli Stati Uniti di concentrarsi sulla Cina.», sostiene

«Gli Stati Uniti hanno espresso il desiderio di un JCPOApiù lungo e più forte‘, ma riconoscono che il ritorno alla conformità con l’accordo originale è un primo passo necessario. La maggior parte degli alleati statunitensi nel Golfo Persico chiede agli Stati Uniti di continuare a contenere e affrontare l’Iran. Teheran ha una visione opposta per la regione in cui non c’è posto per gli Stati Uniti.

Tuttavia, l’Amministrazione Biden vuole che i suoi alleati regionali smettano di opporsi all’accordo nucleare interagendo con l’Iran in modo che gli Stati Uniti non debbano pagare per il loro impegno iraniano con nuovi impegni. Gli Usa trarranno grande beneficio dall’attuale diplomazia tra Riyadh e Teheran se porterà ad una significativa riduzione delle tensioni».

Seyed Hossein Mousavian, un ex membro della squadra iraniana per i negoziati sul nucleare, «crede che l’Iran voglia migliorare le relazioni con l’Arabia Saudita qualunque sia il destino del JCPOA, mentre Riyadh è in attesa di vedere se l’accordo verrà ripristinato. Per Teheran è prioritario ristabilire le relazioni diplomatiche e migliorare le relazioni bilaterali con l’Arabia Saudita, mentre Riyadh è più preoccupata per l’accordo sul nucleare e per il vicino Yemen.

Naturalmente, gli alleati degli Stati Uniti nella regione, inclusa l’Arabia Saudita, si sono resi conto che Biden non è in grado di aggiungere un dialogo regionale ai colloqui sul nucleare e la fragilità delle discussioni significa che non c’è larghezza di banda per discutere del ruolo dell’Iran nella regione. Ecco perché gli alleati arabi degli Stati Uniti hanno avviato il dialogo con l’Iran prima di vedere progressi nel ripristino del JCPOA».

«Ridurre le tensioni tra Iran e Arabia Saudita aumenta le probabilità di successo del JCPOA(se può essere ripreso) perché l’opposizione e la pressione degli alleati statunitensi nella regione è stata una delle ragioni del fallimento dell’accordo originale», conclude Heiran-Nia.

Fin qui i ragionamenti politici iraniani e dell’area in merito a JCPOA. Ma quali sono le posizioni negoziali che l’Iran porterà sul tavolo di Vienna?
Per preparare il terreno per gli incontri di Vienna, il giornale ufficiale del Governo del nuovo Presidente Ebrahim Raisi ha pubblicato un editoriale, il 14 novembre intitolato ‘
Operation Sanctions Defeat‘.«L’articolo sottolineava che l’Iran sta adottando da tempo un nuovo approccio verso l’Occidente, vale a dire espandendo il suo arricchimento dell’uranio e altre attività nucleari al fine di mettere la palla nella corte della comunità internazionale e forzare risposte pratiche all’impasse. Questa strategia si allinea con la retorica del leader Supremo Ali Khamenei negli ultimi mesi che indica la sua riluttanza a tornare al quadro JCPOA», afferma Omer Carmi, già military fellow del The Washington Institute, intervenendo in un rapporto realizzato per l’istituto. «Se l’editoriale del Governo è un indicatore, i termini che presenteranno la prossima settimana potrebbero rimanere massimalisti, con una sostanziale ripetizione delle richieste passate e alcune nuove che potrebbero essere ancora più stringenti».

La prima e fondamentale richiesta di Teheran è che i negoziati devono concentrarsi esclusivamente sulla rimozione delle sanzioni. «L’Iran è stato a lungo irremovibile nel rifiutare di discutere le sue attività regionali o i suoi programmi missilistici come parte dei negoziati sul nucleare. Eppure l’editoriale si è spinto oltre,sostenendo che il regime non negozierà più nemmeno le sue attività nucleari». Il capo negoziatore nucleare Ali Bagheri-Kani ha detto ad ‘Al Jazeera‘ il 22 novembre che non c’è motivo per l’Iran di cessare le attività nucleari che violano il JCPOA quando «la parte che viola e non rispetta l’accordo non dimostra, in pratica,il suo impegno nei confronti del JCPOA», riferendosi al ritiro di Washington dall’accordo del 2018.
Nel calderone delle sanzioni delle quali
Teheran chiede il ritiro, anche tutte le sanzioni che sono ‘contrarie all’accordo nucleare’, comprese 1.500 sanzioni individuali imposte dall’Amministrazione Trump dopo il suo ritiro del 2018 dal JCPOA, nonché sanzioni non nucleari e altre misure unilaterali imposte». Nei precedenti round dei negoziati di Vienna, secondo gli iraniani, gli Stati Uniti si sono rifiutati di revocare le sanzioni dell’era Trump a più di 500 individui o altre restrizioni chiave.

«Dati i significativi progressi nucleari di Teherannell’ultimo anno, un rifiuto di negoziare tali attività fino alla rimozione di tutte le sanzioni sarebbe presumibilmente un fallimento, visti gli obiettivi di non proliferazione fondamentali dell’Occidente. La posizione di Teheran potrebbe essere solo un bluff inteso ad aiutarla a ridurre al minimo la portata delle richieste inversioni nucleari oa utilizzare anche i più piccoli‘compromessi’ come chip di negoziazione. Tuttavia, se i funzionari iraniani si rifiutano davvero di muoversi su questo punto, potrebbe indicare che stanno riprendendo il processo di Vienna esclusivamente per perdere (o comprare) tempo, non per raggiungere un nuovo accordo», afferma Omer Carmi.

La seconda richiesta dei negoziatori iraniani è cheWashington risarcisca l’Iran per il ritiro dal JCPOA. L’Iran insiste affinché gli Stati Uniti riconoscano la propria responsabilità per la situazione attuale. «L’editoriale del 14 novembre è andato oltre, sostenendo che Washington deve risarcire l’Iran per le sue perdite al fine di costruire la necessaria fiducia tra i negoziatori». Altresì, Teheran ha avanzato una richiesta, il 27 ottobre, a Washington di sbloccare 10 miliardi di dollari di beni iraniani congelati come gesto di buona volontà per dimostrare che l’Amministrazione Biden “ha un serio desiderio di revocare le sanzioni”. «Alcuni osservatori potrebbero caratterizzare questo come l’inizio di un accordo interinaleless for lessper disinnescare le tensioni con gli Stati Uniti e limitare i progressi nucleari in corso dell’Iran in vista di colloqui più ampi», spiega Carmi.
Sempre circa le sanzioni, l’Iran punta ad unmeccanismo di controllo che verifichi che lesanzioni siano effettivamente rimosse, riconoscendo che la rimozione di tutte le sanzioni richiederà tempo. «Teheran potrebbe consentire a un organismo imparziale di supervisionare il processo di verifica, e ha segnalato che la capacità del Paese di acquistare/vendere petrolio e trasferire le proprie riserve di valuta estera a casa sarebbe una buona indicazione dell’efficacia del processo».

Il nodo centrale, sottolinea Carmi, è che Teheran «sembra aspettarsi che tutti questi processi e garanzie siano in atto prima di tornare ai suoi impegni nucleari».

«Se la dura retorica nell’editoriale del 14 novembre è solo un atteggiamento o la posizione effettiva di Teheran si dovrebbe capire una volta avviati i negoziati», afferma Carmi. E conclude. «L’approccio adottato dai negoziatori iraniani e le precondizioni che stabiliscono il primo giorno degli incontri di Vienna saranno un buon segnale della volontà o meno del regime di superare la retorica a porte chiuse e giungere al compromesso». 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->