lunedì, Maggio 17

Novità per la Disney dopo il calo dell'ultimo trimestre

0

La compagnia Disney ha preso un duro colpo, durante l’annuncio degli utili dell’ultimo trimestre. Non solo la compagnia si trova costretta a dover cancellare la produzione di alcuni videogiochi, tra cui il popolare videogioco Disney Infinity; anche l’amministratore delegato della compagnia, Bob Iger, ha riservato qualche sorpresa annunciando la sua intenzione di non rinnovare il contratto che scadrà a giugno 2018. Dunque, Iger, dopo aver rinnovato il contratto nel 2015 e nel 2016, è intenzionato a dimettersi. Cosa accadrà alla Disney? L’amministratore ha dichiarato che la compagnia era già da tempo alla ricerca di qualcuno per sostituirlo.

Sulla cancellazione della produzione di videogiochi, la compagnia Disney ha dichiarato: «abbiamo preso la difficile decisione di interrompere la produzione di Disney Infinity. Fin dall’inizio, Disney Infinity è stato costruito per voi, i nostri fan, e vogliamo prenderci questo momento per ringraziarvi. Abbiamo ancora in arrivo le due ultime release per i negozi». Arrivati quelli, sarà quindi il tempo dell’addio definitivo alla saga Disney Infinity. La notizia era stata anticipata su Twitter da Ben Fritz, giornalista di The Wall Street Journal, che aveva fatto il punto sulle azioni di Disney.

Insomma, i conti della Disney deludono, nonostante il successo di Star Wars. Gli utili non hanno soddisfatto le attese del mercato, cosa che non accadeva ormai da cinque anni. A pesare sui risultati il calo degli abbonati del canale sportivo Espn, i costi associati a Disneyland Parigi e all’apertura del parco divertimenti a Shanghai, prevista per il mese prossimo.

(Video tratto dal canale Youtube: wochit news)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->