lunedì, Luglio 26

Novità: nanotecnologie e clonazione animale

0

Nanotecnologie e clonazione animale presentano opportunità e sfide complesse: la questione viene posta a margine della discussione europarlamentare che vede i deputati UE chiamati a votare per le nuove norme di autorizzazione in campo della sicurezza alimentare. Nuove opportunità in campo alimentare si sono aperte, quali l’utilizzo di insetti e altri nuovi componenti da inserire nella coltivazione dei cibi per migliorarli e renderli più resistenti alle calamità naturali che finora erano stati ignorati. La legislazione UE che regola la distribuzione e coltivazione di cibi risale al 1997, ma ha bisogno di essere innovata con l’integrazione o meno di tali cibi. Si sono inoltre ampliate le possibilità di commercio MEP’s e si è cercato di attuare  una nuova e più chiara regolazione. Un’ambiguità e punto controverso rimane la clonazione animale e le nanotecnologie rimaste fuori legislazione, per ora in attesa di avere più chiare garanzie di non essere nocive al consumatore e quindi di una più lunga analisi sperimentale. In molte ciambelle americane, chewing-gum e cioccolato sono stati comunque riscontrate delle piccole particelle che non sono contemplate dalle norme UE. James Nicholson, membro dell’European Conservative and Reformist Group, afferma che bisogna prima testare le materie nuove per dare il via alla sperimentazione e immissione successiva nel mercato. Mercoledì scorso si è cercato di fare approvare nuove leggi innovative e ampliative di quelle del 1997 per testare tale sperimentazione con successo e conseguente avvio di sperimentazione.

(tratto dal canale ‘Youtube’ dell”European Parlament’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->