domenica, Settembre 26

Nostalgia del Concorde? Ecco Boom, l’aereo supersonico hi-tech

0

Le’poca del Concorde si è chiusa ormai da tempo, ma l’aviazione civile non si è arresa all’idea di ridurre i tempi di volo. E allora riecco che ricompaiono i progetti di aerei supersonici. E a pensarci, neanche a dirlo, è il patron di Virgin, Richard Benson, che insieme ad altre entità ha finanziato una start up americana, che ha raccolto alcune delle menti più brillanti di Nasa, Boeing, SpaceX, Lockheed Martin e Gulfstream per portare avanti la costruzione di un nuovo jet supersonico.

Da queste menti è nato ‘Boom’, che è davvero un Concorde 2.0:  lungo 52 metri, apertura alare di 18 e una velocità massima di 2.2 Mach, cioè 2.716 chilometri orari, oltre il doppio della velocità del suono. Viaggi dimezzati? Di più: da Milano a New York in due ore, da Roma a Sydney in sette ore. Il tutto con costi inferiori, almeno promettono i costruttori.  «All’interno ci saranno 42-50 sedili e il biglietto avrà gli stessi prezzi di un tradizionale volo in classe Business, 5 mila euro andata e ritorno nei voli transatlantici, anche se ovviamente la tariffa la sceglieranno le singole compagnie», dice Erin Fisher, head of flight controls del progetto, al ‘Corriere della Sera‘.

In Colorado è già pronto a debuttare il XB-1, un prototipo biposto, che inizierà a effettuare i voli di prova richiesti per ottenere certificazioni e risultati. Nel 2020 poi i test del ‘Boom’ vero, prima vicino a Denver poi in una base militare nel Sud della California. E non mancano gli acquirenti: «Virgin Group ha opzionato 10 pezzi, un’altra compagnia aerea europea ne vuole 15», conferma la Fisher. Prezzi? 187 milioni di euro (un Boeing 787-8 ne costa 206), con Boyd Group che ha già fatto un calcolo secondo cui tra il 2023 e il 2032 saranno i 1.317 i ‘Boom’ in circolazione.

Detto dei costi, ma sarà un risparmio vero per i passeggeri? Se con un Concorde negli ultimi tempi un biglietto poteva venire anche 18mila euro, ora il prezzo scenderà drasticamente, ma non sarà per tutti: sui 2500 dollari a tratta, sola andata. Merito anche del calo del prezzo del petrolio e dei nuovi materiali che saranno usati, come la fibra di carbonio e motori più parsimoniosi,

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->