sabato, Aprile 17

Norvegia: il fondo sovrano farà causa a Volkswagen field_506ffbaa4a8d4

0

Il più grande fondo sovrano del mondo sta progettando di citare in giudizio la casa automobilistica tedesca Volkswagen in una causa da 850miliardi di dollari per le pesanti perdite riportate in qualità di azionista della casa di Wolfsburg per il cosiddetto ‘dieselgate‘: lo scandalo scoppiato negli Usa sulle centraline ‘taroccate’ installate sulle auto diesel per ridurre le emissioni di gas nocivi durante i test. Il fondo ha riferito che vorrebbe promuovere una citazione in giudizio contro la società nei tribunali tedeschi, cercando di aderire a una delle class action in fase di preparazione: infatti, il fondo norvegese si è aggiunto ad una lunga serie di azionisti intenzionati ad intraprendere un’azione legale contro Volkswagen dopo che quest’ultima ha ammesso di aver installato un software illegale su 11 milioni di centraline di motori diesel.

«Siamo stati informati dai nostri avvocati che la condotta della società dà luogo a rivendicazioni legali in base al diritto tedesco. Come investitore, è nostra responsabilità di salvaguardare il nostro investimento in Volkswagen» lo ha comunicato Marthe Skaar, portavoce del fondo. Infatti, il fondo norvegese è il quarto azionista della casa di Wolfsburg con l’1,64% del capitale.

Volkswagen ha finora accumulato una perdita di oltre 16 miliardi di euro per far fronte alle cause legali e alle penalità inflitte dalle diverse autorità statali, oltre che ai costi di richiamo delle auto per essere mese a norma. Cifra che a portato la società a chiudere in passivo per la prima volta dal 1993.

 

 

 

(vido tratto dal canale YouTube di Wochit Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->