martedì, Settembre 21

Norvegia, corsi ai migranti per prevenire violenze sessuali

0

Ad Ha in Norvegia si tengono corsi per migranti per prevenire le violenze sessuali sulle donne. Hero, la società che gestisce all’incirca metà dei centri per rifugiati nel Paese scandinavo, tiene delle vere e proprie lezioni di comportamento. Una quindicina tra siriani e sudanesi si sono ritrovati a discutere, nel corso promosso dal centro accoglienza norvegese, su interrogativi del tipo: che differenza c’è tra sesso e amore? Cosa suscitano queste foto di donne completamente nude e di donne violentate? La violenza può essere legittima? Come si fa a sapere se una donna è consenziente?

Un corso sui costumi norvegesi, che riporta alla mente il trattamento Ludovico, la cura sperimentale a cui Alex, il protagonista del film ‘Arancia Meccanica’ del 1971 diretto da Stanley Kubrick, si era sottoposto come cura alla violenza. Ovviamente i migranti non sono costretti a tenere gli occhi aperti con le pinze e a subire torture, ma il corso – tenuto semplicemente tra i banchi di scuola – è un’iniziativa tornata di attualità dopo i terribili fatti di Capodanno a Colonia.

Corsi che hanno quindi lo scopo di far integrare i migranti, abituati ad avere una concezione dell’approccio e della figura della donna, totalmente diversa da quella del Paese scandinavo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->