martedì, Maggio 11

Nord Corea: Kim Jong Un il 'sanzionato' Il leader nordcoreano, per la prima volta, sanzionato dagli USA. Continuano le tensioni tra i due Paesi

0

Per la prima volta gli Stati Uniti sanzionano il leader nordcoreano Kim Jong Un, accusandolo di violazione dei diritti umani. E non è il solo, perché nella lista nera vi sono altri dieci alti funzionari nordcoreani. In questo modo, il Paese, si impegna di fatto a congelare qualsiasi eventualità di fare affari con la Corea del Nord, già oggetto di numerosissime sanzioni per via del programma nucleare e missilistico aggressivo, nonostante gli avvertimenti della comunità internazionale. Tra le ultime sanzioni, quella delle Nazioni Unite.

Insieme alle sanzioni il Dipartimento di Stato ha rilasciato un report che documenta i casi di abuso in Corea del Nord. «Il report rappresenta lo sforzo più completo del governo degli Stati Uniti di fare i nomi di chi è responsabile o è associato ai peggiori aspetti della repressione del governo nordcoreano, compresi gravi abusi di diritti umani e censura nella Repubblica Popolare Democratica della Corea del Nord, e abbiamo intenzione di continuare a identificare ulteriori individui ed entità in rapporti futuri» ha spiegato il portavoce del Dipartimento di Stato John Kirby.

Si calcola che tra gli 80.000 e 120.000 prigionieri nel territorio nordcoreano subiscano tortura, aggressione sessuale e esecuzioni extragiudiziali, ormai una routine. La nota del dipartimento del Tesoro riporta: «Sotto Kim Jong Un, la Corea del Nord continua a infliggere crudeltà intollerabili e disagi su milioni di persone, tra cui esecuzioni extragiudiziali, lavori forzati e torture».

Nello sfondo, ma nemmeno così tanto, c’è soprattutto il programma nucleare e missilistico che il leader nordcoreano non intende accantonare e che preoccupa gli USA, con cui la Corea del Nord non intrattiene buoni rapporti. Diverse le provocazioni di Kim Jong Un, che soprattutto negli ultimi mesi non ha smesso di provocare Washington e i suoi vicini con test missilistici sempre più ‘audaci’.

(Video tratto dal canale Youtube: NEWS OF THE WORLD)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->