domenica, Settembre 26

Non tutti festeggiano gli onomastici, chi lo fa però non rinuncia mai a qualche regalino Ecco come non perdere l'occasione di fare una gentilezza nei confronti delle persone a cui vogliamo bene?

0

Ci sono feste celebrate da tutti e ce ne sono altre meno sentite. Tra quest’ultime dobbiamo mettere senza dubbio gli onomastici, delle ricorrenze curiose e che non sempre suscitano interesse.
Il motivo di questa divisione è che non si tratta di una festa importante, così soprattutto chi non ama le feste o gli auguri ne approfitta per evitare ogni genere di celebrazione. Sia per il proprio onomastico sia per quello degli altri.
Un onomastico però non è un’occasione per fare festa, non è un compleanno dove si invitano amici e parenti e si fa baldoria. È una semplice ricorrenza che permette di fare un gesto gentile verso le persone care, come un augurio accompagnato da un sorriso sincero. Se poi si vuole andare oltre si può anche fare un regalino, un pensiero per rendere la ricorrenza ancora più speciale.

Tenere a mente gli onomastici di tutte le persone che si conoscono non è proprio semplicissimo, soprattutto oggi che ci affidiamo solo allo smartphone. Un tempo con le agende, i diari e i calendari cartacei potevamo vedere il Santo del giorno anche senza volerlo. Oggi o ci ricordiamo di andare a controllare sullo smartphone, oppure nulla ci avvisa che santi si festeggiano.
Anche il controllo mattutino però può essere tardo se siete persone che amano i regali per onomastico, perché occorre un minimo di preavviso per avere il tempo materiale per cercare a acquistare il necessario.
Una mossa saggia può essere quella di fare un piccolo lavoro di ricerca all’inizio di ogni mese, ci si segnano i compleanni del mese e si agisce di conseguenza. In base al numero e alla distribuzione, ma anche ai rapporti che avete con i festeggiati, potete decidere se e chi lusingare con un vostro dono.

Individuare gli onomastici delle persone care però è solo una parte del lavoro, anche quella meno complicata. Quella più complicata è scegliere il regalino: l’aiuto arriva dal fatto che non esiste una vera e propria categoria dedicata, quindi potete scegliere liberamente ciò che più vi interessa.
Chi invece è abituato a non fare nemmeno gli auguri alle persone con cui passa le giornate, dalla famiglia ai colleghi, dovrebbe cambiare idea. Gli onomastici non saranno delle grandi ricorrenze da festeggiare all’impazzata, ma perché perdere l’occasione di fare una gentilezza nei confronti delle persone a cui vogliamo bene?

 

Fonte: https://www.dottorgadget.it/77-regali-onomastico

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->