giovedì, Settembre 16

Nizza, Hollande: ‘Nemico colpisce popoli liberi’ Ma è polemica

0
1 2


In Gran Bretagna si va completando la squadra di governo di Theresa May. Philip Hammond, ex ministro degli Esteri, diventa cancelliere dello Scacchiere, e quindi titolare del Tesoro. Nuovo dicastero per la Brexit guidato da David Davis, mentre Liz Truss, già ministra dell’Ambiente, rimpiazza Michael Gove alla Giustizia. Nuova ministra dell’Istruzione Justine Greening, con Liam Fox che va al commercio con l’estero. Alla Difesa resta il ‘Remainer’ Michael Fallon, mentre Boris Johnson, come confermato nelle scorse ore, è ministro degli Esteri. Ed è proprio lui al centro delle polemiche, sia in patria che fuori, per le sue gaffes, ma soprattutto per le aperture a Russia e contro l’UE. Intanto la May è già stata invitata da Berlino da Angela Merkel per un primo confronto. May che intanto oggi ha voluto lanciare un messaggi odi vicinanza alla Scozia dopo il referendum che ha sancito la Brexit recandosi a Edimburgo per un incontro con la first minister Nicola Sturgeon: «Vengo qui per testimoniare il mio impegno per preservare una speciale unione (quella tra Scozia e Inghilterra) che dura da secoli. Ma voglio dire anche qualche cosa d’altro al popolo scozzese: il mio governo sarà sempre al vostro fianco».

La conferma era già trapelata ieri in serata, ma Donald Trump non ha ancora ufficializzato nulla a causa dell’attacco di Nizza: ha offerto a Mike Pence l’incarico di vicepresidente. Domani alle 11 americane la conferenza stampa. Intanto negli USA è stata aperta dal dipartimento di Polizia di Fresno, in California, una indagine interna per stabilire se sono state seguite le procedure richieste oppure se vi è stato un eccesso di forza da parte degli agenti nel caso dell’uccisione il 25 giugno scorso di un giovane bianco, il 19enne Dylan Noble. Le immagini riprese dalla body cam dei poliziotti mostra come il giovane esca dall’auto nonostante gli sia espressamente detto di non farlo, poi dopo essere rientrato nella macchina riesce ancora e si incammina lontano, ma viene raggiunto prima da due colpi, poi quando è a terra da altri due. Il caso dunque è tutt’altro che chiuso, come ha confermato il capo della polizia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->