mercoledì, Ottobre 20

Niklas devasta la Germania

0

La tempesta denominata Niklas, descritta come un ‘tornado’ dalla popolazione locale, ha colpito la Germania: molte le automobili scaraventate a testa in giù e tetti divelti nella città di Buetzow. Una persona è stata uccisa da tale tempesta, scatenatasi con tutta la forza della natura nella città di Amburgo. I meteorologi hanno avvertito i locali di ulteriori possibili tempeste nei giorni successivi. Sono già tre i morti provocati dalla tempesta nel territorio della Germania, che dal 30 maggio scorso lo sta flagellando con gravi disagi alla circolazione stradale, ferroviaria e aerea. Raffiche fino a 150 chilometri all’ora, collegamenti ferroviari interrotti, ritardi nelle partenze all’aeroporto internazionale di Francoforte dopo la chiusura di una delle piste. Tutti i treni regionali sono stati cancellati in Renania settentrionale-Vestfalia, dove le ferrovie della Deutsche Bahn hanno fermato tutti i collegamenti locali in attesa che la tempesta diminuisca la propria forza. Inoltre, la linea che collega Parigi a Budapest è rimasta interrotta in due diversi punti nel sud della Baviera, tra Monaco e Augusta, a causa di alcuni alberi caduti che hanno colpite le linee elettriche. Secondo Lars Kirchhuebel del servizio meteorologico tedesco ‘DWD’, si tratta di una delle più tempeste forti degli ultimi anni, anche se – fortunatamente – non potente quanto quella che ad ottobre 2013 ha causato gravi danni in tutta Europa.

(tratto dalla sezione video del sito di ‘The Guardian‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->