mercoledì, Aprile 21

Nigeria: gli agricoltori spingono sul consumo locale di riso

0

In Nigeria molti agricoltori stanno pagando un prezzo molto più alto del normale per il riso, alimento di base del Paese. Mentre i fattori economici vengono incolpati per l’aumento, molti agricoltori situati a Birnin Kebbi vedono tali fattori come un’opportunità per ottenere di più dai loro raccolti e per promuovere il riso locale che non è considerato dalla popolazione locale altrettanto buono come il riso importato.

Bisogna infatti considerare che in Nigeria vengono consumati più di 5 milioni di tonnellate di riso ogni anno, con una parte significativa del suo fabbisogno di consumo proveniente da importazioni. Non bisogna anche scordare che la Nigeria rimane la più grande economia in Africa da una prospettiva sia di PIL, ma anche sotto un punto di vista numerico della popolazione.

Il Presidente della Rice Farmers Association of Nigeria (RIFAN),  Alhaji Adamu Maigoro, ha esortato il governo a sostenere gli agricoltori per aumentare la loro produzione. Secondo lui, infatti, con un adeguato sostegno da parte dei governi federali e statali, gli agricoltori del Paese hanno la capacità di garantire la produzione di massa non solo di riso, ma anche di grano e di sorgo. Sostegno che potrebbe essere rappresentato con la fornitura di sementi migliorati, di fertilizzanti e insetticidi nell’ambito delle attività di intervento a favore degli agricoltori.

Il dottor Aliyu Umar della National Cereals Research Institute (NCRI) situata a Badeggi, Niger, sostiene che il governo federale deve creare un ambiente favorevole al fine di condurre ad una produzione di riso sostenibile. Non solo, secondo Umar il governo dovrebbe anche garantire un prezzo realistico per il riso prodotto. Inoltre dovrebbe mettere in atto il divieto di importazione e dovrebbe anche essere effettuata la riabilitazione delle vecchie strutture di irrigazione in tutto il Paese.

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->