venerdì, Agosto 6

New York: il successo del piano 'Rifiuti Zero'

0

L’ufficio del sindaco di New York ha annunciato che più di 30 aziende newyorkesi, tra cui Whole Foods Market, ABC di Walt Disney e Anheuser Busch, hanno deciso di aderire al piano per tagliare la spazzatura, il cosiddetto ‘Zero Waste‘ (Rifiuti Zero), parte di un ambizioso obiettivo del sindaco Bill de Blasio. Il piano, introdotto a febbraio, è di vasta portata e prevede di ridurre la produzione di rifiuti della città del 90% entro il 2030, attraverso un maggiore riciclaggio, imballaggio ridotto e compostaggio. La sfida richiede anche l’intervento delle imprese che regolarmente distribuiscono avanzi di cibo commestibile a organizzazioni di raccolta come il City Harvest, rivolta senzatetto.

I partecipanti alla sfida, in questi mesi, hanno già ridotto il 60 per cento dei propri rifiuti, in media, utilizzando strategie grazie alle quali quasi 13 mila tonnellate di rifiuti sono stati risparmiati. Al piano, inoltre, hanno aderito: ‘Citi Field’ e ‘Barclays Center’, rispettivamente la casa della squadra di baseball dei New York Mets e la casa della squadra di basket Brooklyn Nets; alberghi di lusso come ‘The Peninsula’ e ‘The Waldorf Astoria’; ristoranti di fascia alta come ‘Le Bernardin’; e il sito ‘Etsy Inc’.

Intanto, anche Los Angeles ha annunciato un piano simile per ridurre i rifiuti del 90 per cento entro il 2025.

(Video tratto dal canale Youtube: wochit business)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->