Neruda, un'altra vittima di Pinochet?