mercoledì, Maggio 19

'Neri': quanto costa la libertà? Africa

0

Africa: disparità e disuguaglianze, segni e  traumi lasciati per generazioni di ‘Neri’ a causa delle lotte per la libertà.  Qual è il prezzo pagato dalla popolazione ‘nera‘, nel corso della battaglia combattuta alla conquista dei più elementari diritti civili?

Dei traumi trascorsi, e di quelli ancora in corso se n’è discusso, nei giorni scorsi con i massimi esperti nell’Aula Magna del centro studi africani dell’Università ‘Brown a Providence, città degli Stati Uniti, e capitale dello Stato del Rhode Island.Traumi che parlano di torture, maltrattamenti, schiavismo, subiti dalla popolazione ‘Nera’ africana. Conseguenze, che si sarebbero passate e trascinate per generazioni, e da generazione in generazione.  Ad intervenire: David Dennis, direttore dell’Iniziativa Progetto Algebra del Sud, e veterano del Movimento per i Diritti Civili, Corey Walker, esperto di scienza, economia ed educazione, John W. e Anna Hodgin Hanes, entrambi docenti di di scienze umane, alla Winston-Salem State University, Oliver Hill Jr., docente di Psicologia alla Virginia State University, Raynard Sanders, Presidente di Sistemi di sviluppo innovativo comunitario a New Orleans, e Francoise N. Hamlin, Professore Associato al Dipartimenti di Studi Africani e di Storia alla Brown University.

(Convegno estratto dal canale ‘You Tube‘ dell’Università ‘Brown’)

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->