giovedì, Maggio 6

Nepal: zero-cost migration policy

0
1 2


Qualche settimana fa il Governo nepalese ha varato la zero-cost migration policy, un accordo volto a tutelare i diritti delle centinaia di migranti nepalesi che si trasferiscono ogni anno negli stati del Golfo Arabico o in Malesia per lavoro. Il provvedimento garantisce che quest’ultimi non debbano più farsi carico delle ingenti spese per i biglietti aerei e i permessi di soggiorno, i quali dovranno essere invece procurati dal datore di lavoro.
L’entrata in vigore dell’accordo è stata seguita da numerose proteste da parte delle agenzie di collocamento nepalesi, le quali rivestono il ruolo di intermediari tra le aziende estere e i migranti, e ricevono altissime commissioni proprio dalla vendita ai lavoratori di biglietti aerei e visti.
Il Ministro del Lavoro nepalese Tek Bahadur Gurung ha dichiarato che il Governo non rivedrà la proposta e che dal 6 luglio 2015 i migranti non dovranno più sostenere i costi dei propri biglietti aerei e visti. «Prenderemo seri provvedimenti contro le agenzie che continueranno a chiedere grosse somme di denaro ai lavoratori», aggiunge Gurung, il quale ha chiesto alle ambasciate nepalesi in Malesia, Arabia Saudita, Qatar, Kuwait, Emirati Arabi, Bahrain e Oman di bloccare le domande di compagnie locali in cerca di manodopera nepalese, a meno che non siano disposte a sostenere i costi in questione. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->