domenica, Ottobre 24

Nepal, oltre il terremoto

0

Quindici immagini realizzate dalla giornalista e nostra collaboratrice Jessica Tradati saranno esposte da oggi, 10 settembre, e fino al 30 di questo mese presso la Galleria Buenos Aires 11 a Milano nella mostra ‘Nepal, oltre il terremoto’, in occasione del Milan Photofestival 2015. Tutte saranno in vendita in edizione limitata per sostenere il progetto Nepal Needs Help, che finora ha raccolto quasi 30mila euro da destinare alla popolazione nepalese colpita dal sisma del 25 aprile.

“Ero arrivata a Kathmandu da una settimana o poco più. Avevo appena iniziato la mia collaborazione come giornalista al Kathmandu Post, uno dei quotidiani nazionali. Avevo trovato casa e cominciato a studiare nepalese. Una mattina, improvvisamente, la terra iniziò a tremare con una forza tale da provocare quello che solo in seguito scoprii essere, per il Nepal, il terremoto più distruttivo degli ultimi 80 anni. Questi scatti sono la mia testimonianza, ciò che sono riuscita a raccogliere e catturare, superata l’iniziale incredibile paura che ti fa pensare solamente alla vita, la tua, e non al lavoro, e agli articoli da scrivere. Prima la fuga sulle colline fuori Kathmandu, la confusione, lo stupore, l’attesa; poi il ritorno in città, le case crollate e la scoperta che il numero di morti aveva superato gli 8000. Infine gli aiuti, la necessità di rialzarsi, ricostruire e tornare a vivere. Mi piacerebbe che questo percorso espositivo vi portasse lungo le tracce di un viaggio diverso, nato per caso tra i claustrofobici palazzi di Thamel e non ancora finito”.

Il ricavato servirà per l’acquisto di cibo, tende, rifugi temporanei e per la realizzazione di progetti educativi per le zone più rurali del Nepal, dove saranno costruite biblioteche e consegnato materiale a scopo educativo per consentire anche ai bambini meno fortunati i mezzi necessari per un’adeguata istruzione.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->