domenica, Maggio 9

Nepal: manifestanti Madhesi si scontrano con la polizia field_506ffb1d3dbe2

0

Centinaia di persone hanno partecipato oggi per il secondo giorno consecutivo a Kathmandu ad una manifestazione organizzata dall’Alleanza federale di 29 movimenti della minoranza Madhesi che chiedono una modifica della Costituzione. I manifestanti, guidati dal gruppo di minoranza Madhesi, chiedono cambiamenti nella nuova costituzione adottata lo scorso anno.

I dimostranti hanno bloccato una strada principale che conduce all’ufficio del primo ministro a Kathmandu -creando problemi di traffico-, hanno scandito slogan contro il governo e tentato di sfondare un cordone di polizia, ma sono stati rapidamente rispinti indietro. Sono stati affrontati con gas lacrimogeni e sfollagente dalla polizia vicino al Singha Durbar, storico palazzo nel centro della capitale e ci sono stati anche dei feriti. Inoltre, in un comunicato, l’Alleanza federale Madhesi ha denunciato che migliaia di propri militanti provenienti da varie parti del Paese sono stati bloccati alla periferia di Kathmandu dalla polizia che ‘ha impedito loro di esercitare il loro diritto di manifestazione’.

Già lo scorso anno i Madhesi hanno manifestato senza successo per sei mesi ottenendo solo un bilancio di oltre 50 vittime e bloccando i punti chiave del confine con l’India – situazione che ha determinato gravi carenze di carburante, medicine e altre forniture- per esigere che il governo ridisegnasse nella nuova Costituzione i confini federali delle regioni nepalesi.

Intanto la sicurezza è stata rafforzata con centinaia di poliziotti antisommossa a guardia delle strade principali e degli uffici governativi.

 

 

(video tratti dai canali YouTube di TRT World e Canada Nepal)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->