lunedì, Maggio 17

Nelle fabbriche in Indonesia: lavoro minorile e standard di sicurezza inesistenti Decine di vittime dal rogo di una fabbrica: si chiedono le dimissioni degli esponenti politici ritenuti responsabili

0

I leader dei sindacati in Indonesia chiedono a gran voce le dimissioni di un Ministro del Governo dopo che un’altra fabbrica è andata a fuoco nei pressi di Jakarta sabato scorso; dal rogo 48 persone sono rimaste uccise, tra queste anche dei bambini. Le vittime rinvenute si trovavano tutte insieme in una struttura piccola e scomoda, di dimensioni decisamente insufficienti allo scopo.

Indra Liyono e Andri Hartanto, il proprietario ed il direttore della struttura sono stati arrestati dalle autorità locali con l’accusa di non aver messo a norma la struttura, totalmente sprovvista di misure di sicurezza e per sfruttamento del lavoro minorile.

Gli agenti intervenuti hanno riportato che  corpi sono stati ritrovati una sull’altro nella parte posteriore della fabbrica e molti sono completamente bruciati tali da rendere impossibile una ricognizione. Il numero delle vittime, però, potrebbe salire ancora. Molti, infatti, i feriti (46) che, attualmente, si trovano in tre diversi ospedali della città.

Le giovanissime vittime erano state assunte senza contratto e pagate solamente 40.000 rupiah, ovvero meno di 5 dollari al giorno, molto al di sotto della soglia minima di salario prevista dalla regione di Tangerang, dove solitamente si parla di 325 dollari al mese.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->