giovedì, Ottobre 21

Nel mondo delle tartarughe verdi field_506ffbaa4a8d4

0

Gli esperti della Wildlife Society-World Fund Wild (EWSWWF) degli Emirati Arabi Uniti, si sta impegnando in un progetto, della durata di quattro anni, durante il quale raccoglierà dati scientifici sulla migrazione della tartaruga verde per scoprirne tutte le caratteristiche fondamentali ed individuarne le criticità.

Nicolas J. Pilcher, dirigente della Marine Research Foundation, ha dichiarato che «si tratta di una cattura straordinaria, queste tartarughe ci dicono quanti maschi e quante femmine ci siano nella loro colonia e ci rassicurano sulla loro salute». Grazie a un localizzatore satellitare, di cui le tartarughe vengono dotate, lo staff sarà in grado di seguirle nei loro spostamenti e ricevere informazioni su dove vanno, su cosa fanno e sulle rotte delle migrazioni.

La popolazione mondiale di sette specie di tartarughe si è ridotta drasticamente per vari fattori: dall’impatto dell’uomo, alle trasformazioni delle spiagge di nidificazione; dal degrado degli habitat, ai cambiamenti climatici. Tra le specie più a rischio, vi sono le tartarughe verdi, una specie migratoria la cui sopravvivenza dipende dalle condizioni generali delle zone in cui transitano. Lo studio potrebbe offrire nuovi spunti su come il cambiamento climatico possa avere impatto sulle specie marine e sulle dinamiche da cui dipende l’estinzione delle specie marine a rischio.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->