martedì, Aprile 20

Nel cuore della isole Svalbard la banca più importante del mondo Contiene il patrimonio mondiale di un'infinità di diverse colture sotto forma di semi, con l'unico scopo di preservarne l'esistenza in caso di eventi eccezionali

0

La Norvegia ha fatto sapere che investirà circa 12,7 milioni di dollari per implementare il proprio caveau Svalbard Global Seed Vault, una vera e propria banca dati contenente il patrimonio mondiale di un’infinità di diverse colture sotto forma di semi, con l’unico scopo di preservarne l’esistenza in caso di eventi eccezionali come disastri naturali o provocati dall’uomo.

Tra i lavori già realizzati ci sono le nuove impermeabilizzazioni delle stanze a protezione dei semi, mentre i nuovi finanziamenti punteranno anche all’allestimento di centrali elettriche di emergenza per garantire il mantenimento del freddo e alla costruzione di un nuovo tunnel di ingresso.

Costruito dieci anni fa presso una miniera di carbone artica abbandonata, lo Svalbard Global Seed Vault si trova su un’isola remota nell’arcipelago situato tra la Norvegia ed il Polo Nord. Può immagazzinare fino a 4,5 milioni varietà di colture, ed attualmente ne contiene oltre un milione di campioni provenienti da quasi tutti i Paesi del mondo.

Il bunker, scavato per 120 metri nel cuore di una montagna, è composto da tre grandi sale protette da sistemi di massima sicurezza. I semi sono conservati a temperatura costante, a -18 °C, e nel caso qualcuno germogli lo stesso viene sostituito il prima possibile.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->