domenica, Agosto 14

NATO: perché sarebbe stato meglio rinviare il vertice di quest’anno Rischia di essere un grave fallimento, con un impatto negativo a lungo termine sulla reputazione di leadership affidabile della NATO e dell'America

0

L’anno scorso, la NATO ha programmato un vertice a Madrid per il 29-30 giugno. All’epoca aveva senso. Ora, con la guerra in Ucraina, non più. Il vertice deve essere rinviato.

Il Presidente Joe Biden ha svolto un lavoro per lo più astuto nel gestire i vari elementi della risposta dell’Occidente all’aggressione della Russia contro l’Ucraina. Ciò si è basato sul trattare con gli alleati individualmente o in brevi conferenze su Zoom. Ma riunirli tutti insieme è altamente rischioso. Il rischio è intensificato dal ruolo dei media, che trovano ed evidenziano tutte le fratture dell’alleanza negli atteggiamenti e nelle azioni.

Almeno un leader alleato, il primo ministro ungherese, Viktor Orbán, sostiene la Russia. Uno, il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha affermato che l’Occidente non dovrebbe umiliare Vladimir Putin, fino a quando non si ritirerà in parte. Gli Stati Uniti sono stati ambigui. Mentre il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che gli Stati Uniti sperano che la Russia venga ‘indebolita’ dalla guerra, il Presidente Biden è stato cauto nel non provocare una guerra più ampia o espandere gli obiettivi degli Stati Uniti con la Russia. Washington ha anche detto all’Ucraina che non fornirà armi che potrebbero estendere la guerra nel territorio russo.

Alcuni alleati sono disposti a fornire armi all’Ucraina. La maggior parte non lo sono; alcuni parlano di fornire armi avanzate ma di fare poco; e alcuni sono cauti nel fornire il transito per queste armi, per paura che diventino i prossimi nella ‘lista’ russa, come ha minacciato il presidente russo, Vladimir Putin.

Una cosa è certa per il vertice: il Presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, farà una presentazione vivace tramite video. Sottolineerà la sofferenza in Ucraina, con immagini grafiche; denuncerà che l’Occidente sta tollerando una guerra di logoramento, limitata all’Ucraina; e richiedono un supporto militare più pratico di quello che gli alleati saranno disposti a fornire. Quello sarà il momento più emotivo a Madrid.

Il compito degli Stati Uniti e della NATO è stato ulteriormente complicato dalla decisione della Finlandia di richiedere l’adesione alla NATO. (Anche la Svezia ha fatto domanda, ma è meno consequenziale perché non ha un confine con la Russia). L’adesione della Finlandia aggiungerebbe altre 830 miglia di confine della NATO con la Russia; eppure, nonostante le solide capacità militari della Finlandia, non esiste alcun piano o capacità per la NATO di onorare l’impegno militare a difenderla. Inoltre, il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, afferma che porrà il veto alla decisione di invitare questi due paesi nordici ad aderire, a causa delle attività politiche curde lì – e la NATO opera per consenso, un veto unitario. Alla fine, potrebbe recedere se ottenesse ciò che chiede,  principalmente armi ad alte prestazioni statunitensi.

Ma ci sarebbe una finestra tra l’invito di Finlandia e Svezia ad aderire alla NATO e la ratifica da parte di tutti i 30 alleati della NATO, incluso un voto di due terzi al Senato degli Stati Uniti. L’amministrazione Biden ha promesso assicurazioni di sicurezza bilaterali per il momento, ma Washington non ha mezzi pratici per onorare tali assicurazioni, se non attraverso una qualche forma di escalation, come si applicherebbe anche a un assalto russo a uno stato baltico. E questo solleva la questione delle armi nucleari.

Tutti i paesi della NATO sono naturalmente – e giustamente – alla disperata ricerca di tenere le armi nucleari fuori dal tavolo, mentre Putin continua a rimetterle. Forse sta bluffando; ma anche solo un bluff sull’uso nucleare è spaventoso e destabilizzante.

Quasi tutti gli alleati si sono uniti nell’imporre sanzioni alla Russia, ma si preoccupano anche degli effetti contraccolpo dell’aumento dei prezzi interni e del conseguente impatto politico interno. La narrativa comune nell’Europa occidentale è che le sanzioni alla Russia siano una delle cause principali dell’inflazione dilagante. Quindi la volontà di molti alleati europei di mantenere le sanzioni odierne nei confronti della Russia si sta già erodendo. Allo stesso modo, l’Unione Europea ha concordato una riduzione graduale delle importazioni di petrolio e gas russi, ma non è ancora chiaro se sarà mai attuata.

Quando il vertice di questo mese è stato programmato, doveva presentare un nuovo concetto strategico. Ciò includerà le basi della difesa, della deterrenza, dell’aumento della spesa militare, della gestione di nuovi tipi di minaccia, dell’adozione di alcune misure riguardanti il ​​dispiegamento militare negli stati alleati dell’Europa centrale vulnerabili, oltre a un inchino pro forma al dialogo con la Russia. Ma durante la guerra non è possibile elaborare un quadro valido per il futuro strategico e politico della NATO. Con la pletora di incertezze sollevate dall’aggressione russa e dai suoi numerosi spin-off che interessano l’alleanza e i suoi membri, non è possibile per la NATO tracciare un percorso a lungo termine con alcuna possibilità di rimanere rilevante, a parte forse dichiarare una nuova guerra fredda , con tutte le sue rigidità, costi, rischi e incertezze.

Inoltre, quando gli alleati si incontreranno, dovranno prendere alcune decisioni chiave su ciò che verrà inserito nel comunicato del vertice. Al vertice della NATO del 2008 a Bucarest, il Presidente George W. Bush ha cercato di portare l’Ucraina e la Georgia sulla corsia preferenziale per l’adesione alla NATO, attraverso piani d’azione per l’adesione. Molti alleati si ribellarono, data la loro riluttanza a considerare uno dei due paesi come protezione ai sensi dell’articolo 5 del Trattato di Washington. Il compromesso era di affermare che l’Ucraina (e la Georgia) “diventeranno membri” della NATO, il che nel diplo-speak europeo probabilmente significava mai.

Ma data la fretta con cui è stata elaborata questa formula, pochi tra i leader della NATO si sono resi conto che quello era il momento effettivo dell’impegno. È stato visto come tale sia da Putin che dal Presidente georgiano, Mikhail Saakashvili, che ha usato quell’impegno per provare a recuperare territori nell’Ossezia meridionale. Le truppe georgiane furono schiacciate da quelle russe. Ciò avrebbe dovuto inviare un segnale alla NATO che accettare di spingere i confini della NATO fino alla Russia in Ucraina, sulla classica rotta di invasione da e verso l’Europa centrale, non poteva essere tollerato da nessun governo del Cremlino. La lezione non è stata appresa e da allora la NATO ha ripetuto la formula ‘diventeranno membri’ in ogni riunione importante.

Ma l’inclusione della formula ‘diventeranno membri’ nel suo comunicato di Madrid non farebbe che esacerbare la crisi ucraina, inutilmente, dal momento che è sempre stato chiaro che Kiev non avrebbe mai potuto ottenere l’unanimità tra gli alleati per ottenere l’impegno dell’articolo 5 del Trattato NATO di dichiarare guerra se fu invaso. Ma se la dichiarazione viene omessa, i media (e altri) lo vedranno come un passo indietro di fronte all’aggressione russa. Non è una vittoria per la NATO e quindi un altro motivo per non avere affatto un vertice.

Biden può continuare a cercare di gestire tutti questi elementi disparati nelle sottili intuizioni della NATO su cosa fare con Russia e Ucraina. Ma riunire tutti i membri dell’alleanza nella stessa stanza per due giorni non fa altro che esporre tutte le fratture e potrebbe produrre ancora di più. I media li evidenzieranno tutti. Il vertice rischierebbe quindi un grave fallimento, con un impatto negativo a lungo termine sulla reputazione di leadership affidabile della NATO e dell’America.

Sarebbe molto meglio posticipare il vertice piuttosto che rischiare di vederlo fallire, come ora è probabile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->