lunedì, Agosto 8

NATO: i doppi standard di USA ed Europa nella disputa con la Turchia Il problema di Biden e dell'Europa è che la loro credibilità risiede nel fare le ‘pulizie’ in casa e nel garantire che siano visti come sinceri piuttosto che ipocriti

0

La tolleranza degli Stati Uniti e dell’Europa al rifiuto di lunga data della Turchia di rispettare i diritti etnici, culturali e politici dei curdi è arrivata alla ribalta con l’opposizione turca all’adesione della Finlandia e della Svezia alla NATO.

L’opposizione ha acceso dibattiti sul ruolo controverso della Turchia nell’alleanza di difesa del Nord Atlantico.

I detrattori della Turchia sottolineano il suo problematico intervento militare in Siria, le relazioni con la Russia, il rifiuto di sanzionare Mosca e il presunto accenno di tensione nel Mediterraneo orientale, mettendo in discussione l’adesione del Paese alla NATO.

I suoi difensori osservano che la Turchia, il secondo esercito permanente della NATO, è fondamentale per mantenere il fianco meridionale dell’alleanza. Inoltre, la geografia, la dimensione della popolazione, l’economia, la potenza militare e i legami culturali della Turchia con un mondo turco ne fanno un collegamento fondamentale tra l’Europa e l’Asia. Inoltre, i droni turchi sono stati vitali nella guerra dell’Ucraina con la Russia, mentre la Turchia è stata un mediatore nel conflitto, anche se con scarso successo.

I diritti curdi difficilmente figurano nei dibattiti e, se lo fanno, solo come sostegno per incolpare la Turchia della sua scivolata nell’autoritarismo.

Un gruppo etnico diffuso nel sud-est della Turchia, nel nord dell’Iraq, nel nord della Siria e nell’Iran occidentale, i curdi sono visti nel migliore dei casi come risorse nella lotta contro lo Stato islamico e nel peggiore come una minaccia alla sicurezza e all’integrità territoriale della Turchia. I 16 milioni di curdi stimati in Turchia rappresentano fino al 20% della popolazione del Paese.

La Turchia, o Turkiye come vuole essere conosciuta in futuro, ha usato l’argomento della sicurezza per far dipendere il suo accordo sull’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO dai due Paesi nordici che accettano effettivamente la sua definizione di terrorismo come comprendente qualsiasi espressione nazionale dell’identità curda.

La Turchia ha chiesto alla Svezia e alla Finlandia di estradare 33 persone, alcune delle quali sono cittadini svedesi o finlandesi, a causa del loro presunto sostegno al Partito dei lavoratori curdi (PKK) o al predicatore esiliato Fethullah Gulen, che il Presidente Recep Tayyip Erdogan ritiene responsabile del fallimento dell’esercito colpo di stato nel 2016.

La Turchia accusa i due Paesi nordici di permettere al PKK di organizzarsi sul loro territorio. Insieme agli Stati Uniti e all’Unione Europea, la Turchia ha designato il PKK come organizzazione terroristica. Il PKK ha condotto un’insurrezione decennale contro la Turchia in cui decine di migliaia di persone sono state uccise.

La Turchia vuole anche che Svezia e Finlandia sostengano la sua operazione militare contro le People’s Protection Units (YPG), un gruppo curdo siriano sostenuto dagli Stati Uniti che ha svolto un ruolo cruciale nella sconfitta dello Stato islamico. La Turchia afferma che l’YPG è un’estensione del PKK.

Erdogan ha recentemente annunciato che la Turchia avvierà una nuova operazione militare per estendere le aree di controllo delle forze armate turche in Siria a un’area di 30 chilometri di terra lungo il confine condiviso dei due Paesi. L’offensiva prenderebbe di mira le YPG nelle città di Tel Rifaat e Manbij e forse Kobani, Ain Issa e Tell Tamer.

Il passato fallimento degli Stati Uniti e dell’Europa nel difendere i diritti dei curdi, come parte della necessità della Turchia di soddisfare i criteri per l’adesione alla NATO che includono ‘trattamento equo delle popolazioni minoritarie’, ha complicato la lotta contro lo Stato islamico, ostacolato le aspirazioni curde oltre i confini della Turchia e ha consentito la repressione dei diritti dei curdi in Turchia.

Più immediatamente, l’incapacità di ritenere la Turchia responsabile della sua repressione dei diritti etnici e politici curdi nel quadro dello stato turco ha consentito ad Ankara di stabilire le politiche turche come condizione per l’adesione alla NATO anche se violano i criteri di adesione all’Alleanza.

Tali politiche includono la definizione dell’espressione pacifica dell’identità curda come terrorismo e il ritiro della lingua e dei diritti culturali curdi dal crollo nel 2015 dei colloqui di pace con il PKK. La Turchia ha revocato il divieto delle lingue curde e della parola curdo nel 1991. Fino ad allora, i curdi venivano chiamati ‘turchi di montagna’.

Il governatore della provincia turca sudorientale di Diyarbakir, ampiamente considerata come un fulcro dell’attività culturale e politica curda, ha costretto questo scrittore in pena di morte a lasciare la regione per aver usato la parola curdo piuttosto che turco di montagna nelle interviste negli anni ’80.

I programmi di lingua curda nelle università sono diminuiti negli ultimi anni a causa di ostacoli amministrativi, mentre i genitori curdi si lamentano delle pressioni per non iscrivere i propri figli a corsi elettivi di curdo.

La maggior parte dei servizi e delle attività in lingua curda creati dalle amministrazioni locali sono stati interrotti da amministratori nominati dal governo che hanno sostituito dozzine di sindaci curdi estromessi da Ankara per presunti legami con il PKK. Molti dei sindaci estromessi e altri importanti politici curdi rimangono dietro le sbarre.

L’incapacità di prendere in carico la Turchia all’inizio assume un significato aggiunto in un momento in cui la NATO definisce la guerra in Ucraina come una battaglia di valori e di democrazia contro l’autocrazia che modellerà i contorni di un ordine mondiale del 21° secolo.

Da parte sua, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha cercato di riconquistare l’altura morale sulla scia della presidenza Trump che ha rotto con il liberalismo americano dichiarando ‘l’America è tornata’ nella lotta per i diritti democratici e umani.

Il problema di Biden e dell’Europa è che la loro credibilità risiede nel fare le ‘pulizie’ in casa e nel garantire che siano visti come sinceri piuttosto che ipocriti.

È un compito arduo tra le affermazioni di razzismo strutturale su entrambe le sponde dell’Atlantico; controversia sul possesso di armi negli Stati Uniti; disposizioni preferenziali per i rifugiati ucraini rispetto ai non europei e ai non bianchi in fuga da guerre, persecuzioni e distruzioni; e politiche estere che trattano le violazioni dei diritti umani e politici in modo diverso a seconda di chi le commette.

Il punto di partenza più ovvio è a casa. I curdi potrebbero essere un altro punto di partenza, con l’adesione alla NATO di Finlandia e Svezia in primo piano. Soddisfare le richieste turche riguardo agli autori di violenze politiche è una cosa; accettare la criminalizzazione della legittima espressione politica e culturale curda è un’altra.

Potrebbe essere un affare difficile da portare a casa ad Ankara. Tuttavia, offrirebbe una formula di compromesso che potrebbe servire l’interesse di tutti e aiutare la Turchia a risolvere un problema che promette di essere una delle polveriere esplosive multiple del Medio Oriente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

James M. Dorsey è senior fellow presso la S. Rajaratnam School of International Studies presso la Nanyang Technological University di Singapore, editorialista sindacato e autore del blog The Turbulent World of Middle East Soccer. In qualità di corrispondente estero, Dorsey si concentra sul cambiamento politico e sociale in Medio Oriente e Nord Africa, sull'impatto del cambiamento in Medio Oriente e Nord Africa sull'Asia sudorientale e centrale e sul nesso di sport, politica e società in Medio Oriente e Nord Africa e Asia.

End Comment -->