domenica, Settembre 19

NATO e Russia: nessuna intesa field_506ff510725be

0

Nessuna intesa tra Nato e Russia che restano ancora una volta divise sulla questione Ucraina, a comunicarlo è il segretario Jens Stoltenberg a seguito di un incontro avvenuto tra la Federazione guidata da Vladimir Putin e i rappresentanti dell’Alleanza Atlantica a Bruxelles. La presenza sempre più dominante della Nato all’interno dei territori dell’est europa con la costruzione di nuove basi strategiche, ha fatto si che si creassero ulteriori tensioni che allontanano un possibile accordo di cooperazione.

«Gli alleati e la Russia hanno profondi e persistenti dissensi sull’Ucraina. Ma è stata un’occasione per chiarire le nostre posizioni e scambiarci opinioni sul tema» afferma Stoltenberg a cui fanno eco le dichiarazioni del rappresentante russo presente nell’Alleanza Atlantica,  Aleksandr Grushk, che ribadisce «Non ci sono ragioni per sviluppare l’attività militare che vediamo ed è quello che la Nato sta facendo, noi crediamo che questo non contribuisca alla sicurezza, e non è un problema di trasparenza. La svolta militare della Nato è molto preoccupante, gli sviluppi sono molto preoccupanti».

Un clima di tensione a cui si aggiungono le difficoltà rappresentate dalla proroga delle sanzioni applicate dall’Unione Europea al gigante degli Urali, che si è difeso a sua volta con la riconferma dell’embargo sui prodotti del settore primario fino al 2017. Azioni che generano crisi e perdite economiche da parte di Paesi come l’Italia di cui la Russia rappresentava uno dei partner commerciali principali.

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Euronews en Français‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->