venerdì, Settembre 17

Nascono i caschi blu della cultura

0

Inaugurati oggi i caschi blu della cultura, la Task Force italiana ‘Unite for Heritage’ a difesa del patrimonio culturale. I ‘caschi blu della cultura’ saranno avranno il compito d’intervenire a protezione del patrimonio artistico e culturale dell’umanità. Scongiurando che si ripetano in futuro episodi come la distruzione dei Buddha di Bamyan da parte dei talebani o gli sfregi dell’Is contro l’antica città di Palmira in Siria: una distruzione filmata e usata come propaganda, a monito dell’eliminazione della cultura diversa.

Siamo il primo Paese che mette a disposizione dell’Unesco una task force completamente dedicata alla difesa del patrimonio culturale mondiale. Spero siano molti i Paesi a seguire questa strada“: parole del Ministro dei Beni e delle attivita culturali, Dario Franceschini, a Roma per la firma del memorandum tra Italia e Unesco.

Il progetto prevede la creazione di un’unità nazionale specializzata, formata dal nucleo dei Carabinieri e dagli istituti del Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo), ISCR (Istituto superiore per la conservazione e il restauro), opificio delle pietre dure, ICCD (Istituto centrale per la documentazione e il catalogo) e ICPAL (Istituto centrale per la conservazione e il restauro per il patrimonio archivistico e librario). Lo scopo è quello di tutelare la cultura e d’ntervenire in situazioni di guerra o di disastri naturali.

 

(video tratto dal canale YouTube Mibact.tv)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->