domenica, Maggio 9

NASA festeggia i 15 anni della ISS 'Abitata' dal 2 novembre 2000, finirà la sua missione nel 2024

0

Era il 2 novembre del 2 quando la Stazione Spaziale Internazionale (in lingua inglese International Space Station o ISS) è stata ‘abitata’ per la prima volta da astronauti. Da allora sono passati 15 anni ed è il momento delle celebrazioni. La ISS è una stazione spaziale dedicata alla ricerca scientifica, gestita come progetto congiunto da cinque diverse agenzie spaziali: la statunitense NASA, la russa RKA, l’europea ESA (con tutte le agenzie spaziali correlate), la giapponese JAXA e la canadese CSA. Un progetto partito nel 1998 con l’invio dei primi moduli e che dovrebbe concludersi nel 2017, mentre la fine delle sue funzioni dovrebbe arrivare, secondo programma, nel 2024. L’obiettivo della ISS è quello di sviluppare e testare tecnologie per l’esplorazione spaziale, sviluppare tecnologie in grado di mantenere in vita un equipaggio in missioni oltre l’orbita terrestre e acquisire esperienze operative per voli spaziali di lunga durata. Ma soprattutto in questi anni la ISS è servita come un laboratorio di ricerca in un ambiente di microgravità, in cui gli astronauti hanno condotto esperimenti di fisica, chimica, biologia, medicina e fisiologia. Una funzione importante quella della Stazione Spaziale, a cui la NASA ha voluto dedicare uno speciale video per i suoi 15 anni di vita.

(video tratto dal canale Youtube del Wall Street Journal)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->