lunedì, Giugno 27

Narrazioni cinesi sulla crisi in Ucraina Ecco come i media cinesi hanno raccontato prima l'attesa dell'invasione e poi la guerra tra Russia e Ucraina, più che altro come guerra per il nuovo ordine internazionale tra Russia e USA, con la Cina nel ruolo di mediatore

0

Prima dell’invasione militare dell’Ucraina da parte della Russia, i media occidentali avevano riferito che il governo cinese aveva diffuso linee guida alle agenzie di stampa cinesi che vietavano esplicitamente la pubblicazione di contenuti anti-russi o filo-occidentali.
Le linee guida richiedevano a queste agenzie di utilizzare solo gli hashtag approvati dai tre organi di informazione statali
: People’s Daily’, ‘Xinhua News Agencye l’emittente statale CCTV. Una rassegna di notizie sui principali media cinesi come ‘People’s Daily, CGTN, CCTV, Xinhua, People’s Liberation Army Daily e China News Service danno un senso di reportage filo-russo.

Nella fase iniziale della formazione militare russa vicino al confine con l’Ucraina, i media cinesi si sono concentrati principalmente sulla proiezione dell’approccio interventista occidentale e del sistema di alleanze militari come causa delle tensioni Russia-Ucraina. Hanno evidenziato le presunte divergenze all’interno delle principali potenze occidentali come riflesso del perseguimento unitario di obiettivi geopolitici da parte di questi Paesi. In secondo luogo, vi è stato un marcato elogio del presunto ruolo della Cina come forza di stabilità nella politica internazionale.

Classificando gli avvertimenti statunitensi sulla possibilità di un’invasione russa dell’Ucraina come ‘clamore’ e ‘propaganda’, i media cinesi hanno accusato gli Stati Uniti di aver falsamente esagerato il rischio di una guerra e di aver perpetrato tensioni e conflitti nella regione.
Un articolo dell’agenzia di
stampa ‘Xinhua‘ hasostenuto che la fornitura di armi degli Stati Uniti all’Ucraina con il pretesto dell’invasione russa stava aggravando le tensioni tra i due Paesi. Ha descritto gli schieramenti della NATO nell’Europa orientale in risposta alle esercitazioni militari russe come aggressivi, e ha avvertito gli Stati Uniti di non ‘giocare con il fuoco’.
All’indomani della conversazione telefonica tra il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi e il Segretario di Stato americano Antony Blinken, il 27 gennaio 2022, la ‘
CGTN’ ha accusato l’Amministrazione Biden di aver causato il panico e di aver istigato il conflitto tra Russia e Ucraina. Un editoriale della ‘CGTN ha affermato che la Russia non faceva minacce militari all’Ucraina e invece ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di rosicchiare il territorio ucraino per inimicarsi la Russia.
Diversi rapporti intitolati ‘
I politici occidentali amplificano l’idea che la Russia stia per ‘invadere’ l’Ucraina‘, ‘Gli Stati Uniti continuano a incitare alla Presidente russo‘, ‘Gli Stati Uniti hanno inventato notizie false per esagerare la ‘teoria della minaccia russa’‘ attraverso i media popolari come ‘China News Service‘, ‘CCTV News‘, ‘Caixinha trasmesso la narrativa secondo cui la presunta attività di minacce da parte degli Stati Uniti stava causando tensioni nella regione. La sfiducia reciproca tra Kiev e Mosca, l’acrimonia esistente sulla Crimea e il sostegno della Russia ai separatisti ucraini, tra le altre questioni, sono state escluse dalle valutazioni dei media cinesi sulla crisi.

Sulla scia del rafforzamento militare russo prima dell’inizio delle ostilità, i media cinesi hanno cercato di ritrarre i Paesi occidentali come divisi e che si sforzavano solo di proteggere i loro rispettivi interessi. Un articolo della ‘CGTN‘ affermava che la crisi ucraina aveva messo in luce le crepe all’interno dell’alleanza occidentale e non era riuscita a creare consenso nella loro risposta alle politiche russe. Evidenziando la presunta profondità dei disaccordi, i media cinesi hanno riferito non solo delle divergenze transatlantiche tra gli Stati Uniti e i loro alleati europei, ma anche delle divergenze di opinione tra gli stessi Paesi europei.

Un articolo pubblicato sul media ufficiale dell’Esercito popolare di liberazione, ‘PLA Daily,ha affermato che Germania e Francia, a causa della loro stretta cooperazione economica con la Russia «hanno un atteggiamento più razionale nei confronti della Russia e hanno evidenti differenze con gli Stati Uniti sulla questione dell’Ucraina». Allo stesso tempo, ha affermato che «la Lituania e altri Paesi della ‘Nuova Europa’ dell’Europa centrale e orientale hanno evidenti dubbi e paure nei confronti della Russia e hanno adottato politiche pro-USA più radicali in termini di sicurezza».
Agenzia
di stampa ‘Xinhuacitate dichiarazioni di politici americani ed europei a sostegno della tesi.
Queste dichiarazioni includevano l’appello della Francia al dialogo con la Russia, la riluttanza della Germania a fornire aiuti militari all’Ucraina e il suggerimento della Croazia (un membro della NATO) di tenere conto delle considerazioni di sicurezza della Russia.

È interessante notare che questa copertura stampa negativa dell’approccio politico e della risposta dell’Occidente alla crisi Russia-Ucraina si inserisce nella più ampia narrativa cinese sulla superficialità dell’ordine internazionale guidato dall’Occidente. Per molto tempo, gli esperti cinesi hanno sostenuto che le principali potenze occidentali, con l’abito di protezione dell’ordine internazionale basato su regole, stanno creando instabilità in tutto il mondo attraverso interventi militari e alleanze militari, guidate dalle loro ambizioni geopolitiche.
In confronto, si sostiene che la politica estera cinese miri a forgiare consenso e stabilità attraverso la mediazione e la cooperazione«vincente per tutti» per plasmare l’ordine globale.
Per inciso, questa costruzione narrativa ha anche costituito la copertura della stampa cinese di molti altri eventi, come la formazione del QUAD, l’accordo sui sottomarini AUKUS e il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan. È interessante notare che questo tipo di narrativa ha preso piede in gran parte in risposta allateoria della minaccia cinese‘ e alla necessità percepita di promuovere la percezione cinese delle relazioni internazionali che consentirà al mondo di vedere favorevolmente l’ascesa della Cina.

La copertura della crisi ucraina da parte dei media cinesi ha messo in luce la presunta colpevolezza occidentale, sottolineando contemporaneamente gli sforzi cinesi per risolvere la crisi nel tentativo di aiutare a proiettare la Cina in una luce positiva nei confronti dei Paesi occidentali. Con la Cina che chiede l’adesione agli accordi di Minsk firmati tra Ucraina e Russia nel 2015, i media cinesi hanno proiettato la posizione di Pechino come guidata dai principi di non interferenza.
Dopo i colloqui di Blinken con il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, il 27 gennaio 2022, la ‘
CGTN ha suggerito che mentre la NATO stava aumentando le tensioni rafforzando la sua presenza militare nell’Europa orientale e nel Mar Nero, la Cina stava «svolgendo un ruolo costruttivo nel promuovere la pace e la solidarietà nel regione, invitando tutte le parti a mantenere la calma e ad astenersi dall’accendere le tensioni».

Dopo che la Russia ha lanciato l’invasione dell’Ucraina, la stampa cinese ha svolto una copertura limitata sulle operazioni militari russe, e si è concentrata principalmente sugli sforzi cinesi per mitigare la crisi. Il China Dailyha suggerito nei suoi editoriali che i negoziati Russia-Ucraina sono stati ostacolati da una posizione non conciliante degli Stati Uniti e delle principali potenze europee. Gli appelli cinesi alla moderazione e al dialogo sono stati contrastati con quelli degli Stati Uniti e dell’Occidente, con commenti che sostenevano che gli Stati Uniti stavano adottando misure politiche ostili.
Sono stati evidenziati, tra gli altri, la fornitura di aiuti militari all’Ucraina da parte degli Stati Uniti e il rafforzamento della presenza della NATO nei Paesi dell’Europa orientale e nel Mar Nero. Gli sforzi dei membri della NATO come la Germania, la Francia e la Turchia per facilitare i negoziati tra Russia e Ucraina e la riluttanza della Russia a cessare le ostilità nonostante le stesse richieste sono stati appena messi in evidenza in questo contesto.

Nonostante la rigida censura dei media cinesi e il controllo sul flusso di informazioni, i rapporti segnalano che l’opinione pubblica cinese è profondamente divisa sulla natura e sulla portata del sostegno cinese alle azioni russe. Nel contesto di entrambi i Paesi che hanno dichiarato l’allineamento strategico all’inizio di febbraio, l’esplicito sostegno dei media cinesi alle azioni della Russia in Ucraina avrebbe potuto proiettare la Cina come co-collaboratore della comunità internazionale.
L’intervento militare russo ha però sfidato la narrativa cinese secondo cui i Paesi occidentali sarebbero stati i primi aggressori. I media cinesi hanno spacciato la doppia narrativa di diffamare l’Occidente e glorificare il presunto ruolo di mediatore della Cina nella crisi, anche se la guerra continua a imperversare in Ucraina. La copertura della crisi da parte dei media cinesi ha riguardato meno l’Ucraina e la Russia e più la Cina e l’Occidente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->