venerdì, Luglio 1

Nagorno-Karabakh pronto alla ribalta internazionale Francesco Trupia: 'Un conflitto per nulla locale in attesa della sua scintilla'

0
1 2


Il 2 aprile di quest’anno ci sono state gravi tensioni tra i due eserciti, quali sono i motivi della tensione?

I motivi degli ultimi scontri sono legati ai fattori storici citati e quindi al mero controllo del territorio, simbolo dell’identità nazionale sia per il popolo armeno che azero. Non parliamo di una regione con importanti risorse naturali o geograficamente rilevante. Eppure, come ho riportato nei report per Alpha Institute, l’escalation di violenza iniziata nelle prime ore del mattino del 2 aprile apre una nuova fase del conflitto stesso. La situazione rimane tesa nella zona occupata militarmente dagli armeni, soprattutto lungo la ‘linea di contatto’. Nonostante il ‘cessate il fuoco’, rispettato sia dalle autorità di Stepanakert, de facto capitale dell’autoproclamata Repubblica del Nagorno-Karabakh, sia da Baku, le rispettive agenzie di stampa nazionali riportano quotidianamente violazioni dell’accordo. Durante i ‘4 giorni di fuoco’ era impossibile capire l’andamento delle operazioni militari, poiché una vera e propria guerra di numeri e propaganda (con video al limite del cinematografico) è stata costruita da entrambi le parti. Sicuramente, però, le novità all’interno del conflitto introdotte in questo tesissimo mese di aprile, coincidente col mese del ricordo del genocidio del 1915, hanno riportato uno scenario di violenza mai visto negli ultimi anni. Un mix politico-culturale che, almeno in Armenia, ha ampliato la percezione del conflitto, con manifesti a supporto delle forze militari del Nagorno-Karabakh affisse nei bar e ristoranti, con tanto di codici Iban sui quali poter effettuare un proprio contributo economico, e con pubbliche raccolte di beni di prima necessità in cui anche i bambini imballavano pacchi di vestiti, viveri e sigarette per i soldati e i veterani di guerra. Sì, proprio i veterani della guerra del 1994, che insieme a tanti volontari hanno ripreso le armi per difendere la ‘propria terra’ pur non essendo membri delle Forze Armate. Sette di essi, sono stati uccisi da un drone israeliano che ha colpito il loro veicolo militare che li trasportava verso l’Arstakh, regione più calda del conflitto.

Questa la novità più importante: gli armamenti, l’utilizzo da parte degli azeri dei potenti TOS-1 Solntsepyok (venduti da Mosca nell’estate del 2014) e dei droni, non solo nelle attività di monitoraggio ma di attacco militare, stonano con una guerra combattuta finora in trincea e che ricorda più quelle della prima metà del Novecento. Lo stesso utilizzo del drone israeliano deve far riflettere. Quale ruolo ha Israele nel conflitto? Geograficamente nessuno, ovviamente, ma gli interessi legati ai rapporti diplomatici e soprattutto energetici tra Baku e Tel Aviv potrebbero aprire un’ennesima nuova fase di un conflitto sempre meno locale.  Poi si dovrebbe chiarire la ‘questione Isis’: la notizia emanata da ‘LifeNews‘ Russia appare non essere confermata del tutto, nonostante vi sia la certezza che cittadini azeri siano andati in Siria a combatte nelle fila di al-Baghdadi. Rimane un fenomeno che potrebbe scaturire all’intero del Caucaso, come avviene in Georgia ad esempio, ma ovviamente bisogna anche intendere la notizia come una strategia russa volta a fomentare il conflitto stesso in ottica anti-turca. Una tregua è possibile, e apparentemente c’è. Una definitiva conclusione del conflitto penso non sia solo difficile da attuare, ma anche da immaginare per i fattori in campo.

 

In quali scenari si potrebbe evolvere questa crisi?

Credo che, nonostante il ‘cessate il fuoco’, parlare di ‘frozen conflict’ sia ormai superfluo. Gli interessi intorno al conflitto, anche se lontani dalla regione teatro di guerra, avranno un risonanza sub-regionale e soprattutto internazionale, con i due outsiders principali nel Caucaso, ossia Russia e Turchia, pronti a strumentalizzare lo scontro per i propri interessi nella regione. Allo stesso modo, però, il Nagorno-Karabakh potrebbe rappresentare il loro ‘pantano politico’. La Russia gioca un ruolo di mediazione tra Erevan e Baku, in quanto conosce la regione e la sua influenza è ancora molto forte. Accusando la Turchia di affermazioni inaccettabili a sostegno dell’Azerbaijan, Mosca sta cercando di evitare nuove escalation: un suo errore potrebbe indebolire Mosca nella sua leadership nel Caucaso, già in difficoltà con la Georgia per gli scenari in Ossezia del Sud e Abkhazia. Il rischio di compromettere le attività nel Grande Medio Oriente, Siria e Iran in primis, e i già tesi rapporti con la Turchia, rimane alto. L’intera diplomazia russa è al momento in piena attività diplomatica a Erevan. Obiettivo è quello di non perdere credibilità agli occhi del popolo armeno, che per la prima volta dalla caduta dell’URSS ha protestato pesantemente davanti l’Ambasciata russa a Erevan per le politiche di Mosca legate alla vendita di armi a Baku. Ovviamente, anche l’Armenia dipende militarmente dalla Russia, ma la società civile armena sta mostrando un livello di partecipazione politica molto più alto rispetto agli anni passati. Tutto ciò avviene ad un anno delle elezioni presidenziali e a pochi mesi della riforma costituzionale.

La questione Karabakh, quindi, rimane centrale, in quanto conditio sine qua no per qualsiasi tipo di legittimazione di leadership politica in Armenia, ma anche in Azerbaijan. Gli ultimi due presidenti armeni, infatti, sono entrambi originari del Karabakh, nati proprio a Stepanakert, mentre per la famiglia Aliyev, dopo lo scandalo dei Panama Papers, una disfatta nel Karabakh potrebbe sancire un violento cambio di rotta nelle istituzioni azere. Dall’altra parte, Turchia e Israele: la prima vicina ‘etnicamente’ all’Azerbaijan, che nonostante aver espresso di voler ricostruire definitivamente i rapporti con l’Armenia ha espropriato nella zona orientale del Paese la più grande Chiesa cristiana del Medio Oriente, la Chiesa armeno-apostolica di San Ciriaco, e continua a tener chiusi i confini, anche per un’intransigenza armena sulla questione. Inoltre, sul riconoscimento del genocidio, Ankara è ferma sulla sua posizione: ‘nessun genocidio’, con il solito imbarazzante gioco sul numero delle vittime. Israele, invece, in ottica anti-Iran, potrebbe giocare un nuovo ruolo nel conflitto, ma attualmente rappresenta un incognita, o più scientificamente una di quelle ‘variabili dipendenti’ che in un conflitto sono difficili da analizzare. Ipotizzare un’analisi è difficile quindi. Potrei sintetizzare l’ennesimo stallo della situazione attraverso le parole di un soldato ventenne, che ho personalmente incontrato a Erevan di ritorno dalla notte di fuoco del 4 Aprile, che mi ha raccontato l’aneddoto dell’arrivo dei volontari al fronte. “Cosa state facendo qui? Non siete in grado di reggervi in piedi alla vostra età! Voi ci avete difesi in passato, adesso tocca a noi. Tornate a Stepanakert, o a Erevan, e fate di tutto affinché in questa terra gli armeni possano vivere in pace!

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->