mercoledì, Ottobre 27

Myanmar in crescita field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Bangkok – Il tempo passa, i Paesi cambiano la loro natura: è ciò che sta accadendo anche al Myanmar, l’ex Birmania, una Nazione passata da un lungo periodo di cruda dittatura militare a essere una Nazione aperta, curiosa verso l’esterno ma soprattutto desiderosa di essere accettata nel contesto internazionale. La svolta è tutta nella direzione della crescita a marce forzate, ma anche in campo sociale e politico si guarda tutto con maggior circospezione, coscienti del fatto che la crescita economica non può essere avulsa da una crescita complessiva dell’intero Paese, anche in sede sociale e culturale in senso lato, potremmo dire.

E così, il Myanmar oggi torna prepotentemente a corteggiare i Paesi esteri soprattutto alla luce delle prospettive, nella direzione di una ulteriore apertura e crescita, dovute alle imminenti elezioni di novembre.

Gli investitori stranieri sono invogliati in ogni modo a investire di più in Myanmar per approfittare dell’appartenenza del Myanmar stesso all’area ASEAN e per la sua strategica collocazione geografica: le elezioni di Novembre – si ritiene da più parti – dovrebbero fare il resto.

Gli investitori stranieri, insomma, sono spinti a considerare il Myanmar non nella sua singolarità, quanto piuttosto nella sua collocazione d’area, con un occhio particolarmente rivolto al linguaggio del commercio, dello sviluppo degli interessi finanziari e degli investimenti, appunto.

«Entro la fine di quest’anno la Comunità economica ASEAN sarà definitivamente lanciata. Questo significa che il nostro mercato sarà dieci volte più grande. Siamo anche l’unico paese ASEAN situato tra la Cina e l’India, due economie giganti» ha affermato il professor Aung Tun Thet, consigliere economico della Presidenza nazionale e Vice Presidente del Consiglio Consultivo Nazionale Economico e Sociale. «Non si deve più solo guardare al Myanmar come un piccolo Paese. Si deve, invece, considerare il Myanmar come un vero e proprio hub regionale», ha aggiunto.

Nel corso della sua partecipazione all’Euromoney Myanmar Global Investment Forum, ha esortato gli investitori a guardare oltre il solo mercato nazionale con circa 50 milioni di persone, pensando invece al mercato regionale costituito da oltre 600 milioni di persone.

Nel frattempo, non si può certo dire che il Myanmar non abbia fatto la sua parte: l’economia del Paese si è aperta al mondo, la Nazione si è via via sempre più integrata con la Comunità regionale ma anche con quella mondiale negli ultimi sei anni. Progressivamente – nel tempo – sono andati spegnendosi i dubbi sulla reale natura della trasformazione del Paese asiatico, e così gli investitori stranieri hanno superato i propri timori legati soprattutto agli incerti destini politici del Myanmar, dubbi risolti con la liberazione del Premier Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, con le prime elezioni democratiche tenutesi in modo pacifico nell’arco di decenni.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->