domenica, Ottobre 24

Myanmar: brillante futuro per la sua economia

0

Il Myanmar è una delle economie a più rapida crescita al mondo. Grazie all’annullamento delle sanzioni economiche e alla rimozione delle barriere al commercio, avvenuti la scorsa settimana da parte degli Stati Uniti per migliorare il commercio del Paese, si sta aprendo un nuovo capitolo per l’economia del Myanmar. Così facendo gli USA hanno mostrato tutto il loro sostegno nei confronti della riforma politica che sta avendo ora luogo nel Paese, ovvero da quando la giunta militare ha ceduto il potere a un governo riformista nel 2011.

Inoltre, grazie a questi sviluppi politici, è previsto per quest’anno un aumento della crescita economica del Paese dell’8,4 per cento. A ripristinare la fiducia di molti investitori è stata soprattutto questa transizione pacifica del potere: sono stati infatti subito pronti ad entrare in questo mercato emergente molti investitori provenienti dalla Cina, dalla Thailandia e da Singapore. La prova visibile di questi investimenti è data dal boom edilizio che sta vedendo come protagonista molte città. A dare un nuovo slancio all’economia troviamo anche il turismo: infatti, proprio in virtù della nuova situazione politica formatasi, molti Paesi stanno proponendo il Myanmar come meta turistica.

Ma c’è ancora molta strada da fare: alcuni problemi fondamentali rimangono, come un sistema educativo carente e che è stato trascurato per troppo tempo. Ma il Paese è pronto a riprendersi il suo posto come grande potenza economica asiatica.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CCTV News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->