sabato, Luglio 31

My Little 'Columbine' e le stragi moderne Che relazione esiste tra la strage di Colombine e quelle moderne?

0

L’uccisione di 12 studenti e un insegnante alla Columbine High School nel 1999, continua a modellare le moderne  sparatorie a scuola oggi. La strage di Columbine, però, era diversa. Non solo è stato l’attacco più letale in un liceo americano, ma è anche andato in diretta in televisione, in tempo reale, con gli adolescenti rannicchiati sotto i banchi e l’utilizzo di telefoni cellulari per comunicare ciò che avevano visto o sentito. E’ stato “il primo grande rapimento di ostaggi dell’età del cellulare” ha scritto Dave Cullen in “Columbine.

Le stragi al Virginia Tech nel 2007 e a Newtown sono ispirate da Columbine. Eppure, come il signor Cullen chiarisce, molto di ciò che è venuto a Columbine era profondamente sbagliato. Falsi miti sono stati creati  fin dall’inizio, alimentati da studenti spaventati e confusi e amplificati da agenzie di stampa che hanno dato retta a voci e congetture. Gli assassini degli studenti, Eric Harris e Dylan Klebold, appartenevano ad un gruppo della scuola chiamato ‘Impermeable Mafia, hanno detto di essere emarginati dal gruppo, con forme di bullismo, soprattutto da parte di atleti. E’ stata insomma una forma di vendetta. Columbine è stata soltanto una sparatoria in una scuola di successo. Harris, successivamente ritenuto uno psicopatico da alcuni psicologi, e Klebold, un depresso suicida, non hanno cercato individui specifici, tuttavia volevano far saltare in aria l’intero posto e uccidere centinaia di persone con una bomba fatta in casa di propano, ma il loro dispositivo non esploseEppure il “solitario contro bulli” è divenuto un modello di vendetta che è stato applicato alle sparatorie successive. 

(tratto dalla sezione ‘Video’ del sito del ‘The New York Times’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->