sabato, Settembre 18

Muore Kim Yang-Gon, uomo-chiave della Corea del Nord

0

Kim Yang-Gon, è morto in un incidente auto, come hanno riferito mercoledì scorso i mezzi di stampa ufficiale del Paese, ma non hanno fornito dettagli sulla sua morte. I mezzi di informazione della Corea del Nord definiscono ora, dopo la morte, Kim Yang Gon un ‘leale guerriero rivoluzionario’ e uno dei consiglieri più stretti di Kim Jong per trattare con le Nazioni UniteUomo di punta della Corea del Nord per la sua gestione degli affari inter-coreani. Aveva ormai 73 anni ed era il maggiore aiutante oltre che segretario del Partito di Governo, e personaggio chiave della politica estera per un giovane sovrano relativamente inesperto come leader del Paese, Kim Jong Un.

La morte di Kim Yang Goncapo del Dipartimento del Fronte di Stato  e del Partito dei Lavoratori di Corea priva Kim Jong Un di uno dei suoi consiglieri più esperti nelle relazioni del suo paese con l’estero. Il Dipartimento a cui afferiva Kim Yang-Gon  si occupa infatti di gestire anche i tesi rapporti della Corea del Nord con il Sud Corea.

Ha spesso mercanteggiato con il Nord per anni su questioni come la sua ricerca di armi nucleari e negli sforzi delle due Coree per organizzare riunioni temporanee di parenti separati dalla guerra di Corea circa sei decenni fa. Nel mese di agosto scorso, il segretario del partito si era unito alla delegazione nordcoreana per i colloqui con il Sud per sbloccare la situazione di stallo militare tra i due Paesi, innescata da una esplosione di mine che aveva mutilato due soldati sudcoreani al confine. Gli analisti sudcoreani ritengono che aiutanti politici stagionati, come Kim Yang Gon, servano a calmare l’ira del giovane Kim Jong Un, consigliandolo su quando impiegare gesti di riconciliazione e quando usare la sua sciabola sferragliare di violenza per mantenere salda la sua immagine leadership di un Paese altamente militarizzato.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘YTN NEWS’, in lingua inglese)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->