mercoledì, dicembre 19

Venezuela: Maduro prepara la sua rielezione senza opposizione 'I partiti che non hanno partecipato alle municipali di domenica non potranno non potranno partecipare alle presidenziali 2018, 'scompariranno dalla mappa politica'

0

Il partito socialista di Nicolas Maduro ha vinto a mani basse le elezioni municipali  in Venezuela che si sono tenute domenica, e Maduro ha posto le basi  -con una mossa che lascia pochi dubbi sul grado di democrazia del suo regime-  per la sua rielezione senza opposizione alle presidenziali previste per il 2018. Un voto, quello di domenica, sul quale ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l’opposizione. Tanto che Maduro ha detto: «I partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica».

Il partito al potere in Venezuela si è imposto in oltre 300 città su 335, ha annunciato lo stesso Maduro. L’opposizione ha perso roccaforti come Maracaibo ed il distretto di Sucre, nell’area di Caracas. Fa pensare il dato dell’affluenza, solo il 47%, in calo di oltre dieci punti rispetto alla tornata di quattro anni fa. L’opposizione ha accusato Maduro e le autorità di irregolarità e brogli durante le ultime elezioni per i governatorati.

I principali partiti dell’opposizione venezuelana non potranno, dunque, prendere parte alle elezioni presidenziali del prossimo anno.  Fuori dai giochi, dunque, gli oppositori che rappresentano la gran parte di quella fetta di Paese che da mesi conduce la battaglia per nuove elezioni nel Paese, da Henrique Capriles, a Leopoldo Lopez. «Questo è ciò che l’Assemblea Nazionale Costituzionale ha stabilito», ha affermato Maduro, riferendosi ai poteri speciali conferiti all’Assemblea costituente voluta da lui stesso.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.