martedì, Maggio 18

Mosul, parlano i superstiti dell’assedio

0

L’esercito iracheno avanza a Mosul, e la realtà dell’occupazione islamista della città si fa sempre più chiara. La testimoniano le storie dei civili che hanno dovuto sopravvivere all’occupazione e all’assedio di Mosul. «Nemmeno i sionisti farebbero ciò che lo Stato Islamico ha fatto», afferma un anziano cittadino. In molti tentano di mettersi in salvo, ma le macerie nascondono centinaia di persone che ancora lottano per sopravvivere.

Una donna in lacrime invita il cronista nella sua casa semidistrutta. Il figlio è morto in un bombardamento, e il suo corpo è ancora dentro la casa, non è stato sotterrato. La donna vorrebbe appellarsi all’esercito iracheno perchè a suo figlio venga data degna sepoltura.

Le case qui hanno tutte sofferto i danni dei bombardamenti, e ospitano diverse famiglie. Nonostante la mancanza di materiale medico, i residenti tentano di curare i feriti. Sono rimasti intrappolati in queste case e usati come scudi umani dallo Stato Islamico. Hanno sofferto la fame per mesi. La paura, adesso, è che l’IS decida di usare armi chimiche, in risposta alla sua imminente sconfitta.

Video tratto dal canale youtube ‘BBC News

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->