mercoledì, Agosto 4

Mosul, la ricostruzione e le violenze ancora in atto

0

Il 9 luglio il premier iracheno Haider al Abadi ha annunciato la liberazione di Mosul dalle milizie dell’Isis. Almeno 900 mila persone sono state costrette a scappare e a lasciare l’ex capitale dello Stato Islamico dal 2016 e 40mila le vittime. Ma nonostante la liberazione e la voglia di ricominciare a vivere (e costruire), la paura continua.

Secondo l’istituto di ricerca Airwars, dal 19 marzo al 19 giugno, solo nella parte ovest della città, almeno 3.706 civili sono stati uccisi dai bombardamenti dell’esercito iracheno e della coalizione guidata dagli Stati Uniti. A colpire i cittadini di Mosul sono «i bombardamenti indiscriminati, spesso sproporzionati o comunque ingiustificati», scrive Amnesty International in nel rapporto pubblicato l’11 luglio.

Ma non solo: durante i mesi di assedio a Mosul centinaia di persone sarebbero state imprigionate in campi di detenzione non ufficiali. Ma il governo non ha mai fornito alcuna documentazione sulle persone detenute e sui reati di cui sono accusate.

Ed emergono anche le agghiaccianti storie delle donne dell’Isis. Nei loro interrogatori affermano di essere state trattate bene e che i loro mariti spendevano soldi per assicurare loro vestiti, cibo ed soddisfare ogni necessità. Ma molte di loro hanno ammesso di essere state letteralmente comprate. Altre hanno ammesso di essere state violentate e picchiate , il tutto ben inquadrato ed inserito in quello che era diventato un vero e proprio mercato di schiave del sesso.

 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->